vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Lapenna: Tarsu, sgravi per agricoltori e famiglie numerose

Più informazioni su

VASTO – Riduzione della tassa sui rifiuti solidi urbani tra il 15 e il 25% per chi abita nelle zone di campagna, sgravi anche per famiglie numerose, pensionati e portatori di handicap. Li ha annunciati stamani il candidato sindaco del centrosinistra, Luciano Lapenna, nella conferenza stampa tenuta nel comitato elettorale di via Perth insieme a Peppino Forte, Vincenzo Sputore e Domenico Molino.

“Sono possibilità già previste dalle norme degli articoli 9 e 10 del regolamento approvato in Consiglio comunale, che ora verranno applicate”, ha detto Lapenna.

Gli sgravi – Lapenna ha annunciato “l’abbattimento pari al 15% della Tarsu”, tassa sui rifiuti solidi urbani, “per quanti hanno nella loro disponibilità abitazioni con un fondo un giardino. Forniremo ai cittadini, gratis o con delle agevolazioni, anche delle compostiere”, contenitori per la raccolta della frazione umida del pattume. Programmati inoltre “sconti per i nuclei familiari che vivono in zone non urbane, oltre all’abbattimento del 25% della tassa sui rifiuti riguardante le costruzioni rurali occupate dagli agricoltori” e ulteriori sgravi per pensionati, portatori di handicap e famiglie numerose.

“Queste – ha commentato il sindaco uscente – sono risposte che diamo a chi vende fumo. Risposte concrete” dopo che sui cittadini si sono riversati i debiti del Civeta, il consorzio intercomunale di smaltimento e riciclaggio dell’immondizia. “Questi sgravi sono previsti dalle norme approvate in Consiglio nel 2008, nonostante il colpo terribile inferto dalla Regione Abruzzo, che ha autorizzato l’apertura della nuova vasca di raccolta del Civeta con un anno di ritardo, costringendo il consorzio a conferire i rifiuti nella discarica di Cerratina, a Lanciano, con il conseguente aumento delle spese per milioni di euro”.

Nel corso della conferenza stampa, sono state distribuite copie degli articoli 9 e 10 del regolamento comunale sui rifiuti. “E’ importante la diffusione, perché molti cittadini non sono a conoscenza delle fasce di esenzione e di riduzione. Chi si riconosce in queste categorie può presentare le domande in municipio entro il 30 giugno”, ha spiegato Molino.

Il Civeta – Il conferimento forzato del pattume a Lanciano ha determinato a carico del Civeta un debito  “di 6 milioni di euro. Altri 3 sono stati abbattuti in base ad accordi tra i sindaci”, ha detto Angelo Pollutri, primo cittadino di Cupello, il comune in cui ha sede, in località Valle Cena, l’impianto di trattamento dei rifiuti che ricicla la frazione organica (denominata Forsu ) trasformandola in compost, fertilizzante per l’agricoltura.

“Parte del Forsu – ha precisato Pollutri – viene trasportata fuori regione, visto che l’impianto di Valle Cena è costretto a procedere a marcia ridotta perché solo questo ci consentono le autorizzazioni regionali”.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su