vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Incontri per la nuova Giunta, le richieste dei partiti a Lapenna

Più informazioni su

VASTO – Il totoassessori, è già iniziato da tempo. Di nomi ne circolano. Quasi tutti legati al risultato elettorale. Lo steso metodo di cinque anni fa, quando i più votati entrarono in Giunta. Ma non tutti hanno resistito ai cinque rimpasti.

L’obiettivo di Lapenna è evitare musi lunghi. “Nessuno sarà escluso”, ha detto il giorno dopo il successo elettorale precisando, però, che non esistono solo i posti da assessore. Ci sono anche gli enti strumentali del Comune e le società partecipate. In ogni caso, è la ripartizione degli 8 incarichi più importanti (7 assessorati, più la presidenza del Consiglio comunale) il cubo magico in cui è difficile accostare tutti i quadratini dello stesso colore. Innanzitutto, c’è il Pd che, con i suoi 4mila 818 voti, detiene quasi la metà dei 10mila 333 consensi raccolti al primo turno dal centrosinistra. Tutte insieme, le altre 4 forze politiche della coalizione, raggranellano 5mila 570 voti, appena 700 in più del partito di maggioranza relativa.

Per questo, i Democratici sarebbero intenzionati a chiedere a Lapenna la metà dei posti disponibili, ossia 3 assessorati e la presidenza del Consiglio comunale. Una richiesta che rischia di rendere difficile la suddivisione degli incarichi istituzionali, visto che l’Italia dei valori ne vorrebbe 2: “Siamo comunque la seconda forza del centrosinistra e, in quanto tale, chiederemo il giusto riconoscimento per l’apporto che abbiamo dato a questo progetto vincente”, affermava ieri Alfredo Bontempo, segretario dei dipietristi, a poche ore dalla riunione degli iscritti, convocata per ieri sera nella sede del partito, in Largo del Fanciullo, di fianco alla cattedrale di San Giuseppe.

“A mio avviso – ha dichiarato Bontempo – l’Idv merita una carica istituzionale in Giunta, più un’ulteriore rappresentanza, da decidere nel rispetto dell’intero centrosinistra”. Sel, a meno di clamorosi colpi di scena, proporrà a Lapenna la conferma (gradita al primo cittadino) di Anna Suriani, che è stata assessore all’Ambiente e alla Cultura.

“E’ stata premiata la nostra linea: con Luciano senza se e senza ma”, gonfia il petto Sante Cianci. Il segretario del partito di Nichi Vendola riunirà gli iscritti lunedì per decidere cosa proporre al primo cittadino.

Il tutto mentre, per mettere fine alla resa dei conti nel Pdl, Mauro Febbo, coordinatore regionale dei berlusconiani, ha convocato “un tavolo politico con tutti i vertici regionali, provinciali e locali per analizzare nel dettaglio i risultati elettorali di Vasto” e “guardare con determinazione al futuro”. Intanto, oggi pomeriggio, alle 18, Guido Giangiacomo, componente del gruppo dei “rinnovatori”, ha convocato a Vasto Marina un incontro pubblico con militanti e simpatizzanti del Pdl. Pare che l’ex sindaco Filippo Pietrocola si sia già prenotato per prendere la parola.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su