vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Nuova Giunta, avviate le consultazioni. I "papabili"

Più informazioni su

VASTO – Il primo giro di consultazioni è iniziato oggi. I rappresentanti del centrosinistra sono stati ricevuti dal sindaco di Vasto, Luciano Lapenna, che ha ascoltato le richieste dei partiti per la formazione della nuova Giunta municipale.

Partito democratico, Italia dei valori, Rifondazione comunista, Sinistra ecologia e libertà e Giustizia sociale sono stati ricevuti oggi pomeriggio. Il primo cittadino ha sondato gli umori delle forze politiche di maggioranza.

Probabile un secondo giro di consultazioni per comunicare le decisioni. Lapenna vuole chiudere entro la fine della settimana.

I papabili – Undici papabili per 8 poltrone. Sette assessorati, più la presidenza del Consiglio comunale. Lapenna non può dare altri incarichi di governo della città. Deve trovare una non facile quadratura del cerchio. E farlo in fretta, visto che vuole varare la nuova Giunta entro la fine della settimana. Iniziano le consultazioni. Con almeno tre punti interrogativi.

Giustizia sociale – La neonata lista civica è quella che può creare i problemi maggiori al sindaco confermato. Che a Gs tocchi un assessorato è pacifico. Tutto sta a capire chi, tra Luigi Marcello e Mario Olivieri, dovrà sedersi nella Sala del Gonfalone. All’inizio era Olivieri. Il riconteggio basato sui verbali dice Marcello. Ma Olivieri potrebbe presentare ricorso al Tar per far ricontare le schede. “E’ Giustizia sociale che mi deve indicare il nome”, mette le mani avanti Lapenna.

Pd – Dal vertice del Pd non esce una virgola in più di quanto già non si sapesse. “E’ stata un’analisi del voto, da cui è emerso che il Partito democratico ha conquistato a Vasto la metà dei voti raccolti dall’intero centrosinistra. Questo è un dato inconfutabile”, dichiara Domenico Molino quando è finito l’incontro tra eletti, candidati e dirigenti convocato dal segretario provinciale, Camillo Di Giuseppe che, insieme al capogruppo in Consiglio regionale, Camillo D’Alessandro, e al senatore Giovanni Legnini, compone il triumvirato cui la segreteria regionale ha affidato la sezione di Vasto dopo le dimissioni rassegnate da Peppino Forte, dimessosi dalla carica di segretario all’atto della candidatura alle primarie, poi perse contro Lapenna.

Rappresentare il 50% dei consensi raccolti dall’intera alleanza vuol dire chiedere al primo cittadino la metà delle poltrone disponibili. Cinque nomi per quattro posti, nel caso in cui fosse accolta la richiesta che verrà formulata dalla triade al capo dell’amministrazione comunale. Nessuno lo dice ufficialmente, ma è chiaro che in cima alla lista ci sono i più votati. Vincenzo Sputore, Peppino Forte, Lina Marchesani, Francesco Menna e Nicola Tiberio. In rigoroso ordine di voti raccolti. Con Tiberio che, trascorso un quinquennio da assessore e dopo aver passato indenne quattro rimpasti, non disdegnerebbe di tornare a sedersi tra i banchi della Giunta, pur essendosi classificato al quinto posto. “Sono a disposizione del partito”, fa sapere anche Molino, che è stato assessore alle Finanze.

Idv – L’Italia dei valori chiede spazio. Il faccia a faccia tra gli iscritti ha confermato quanto già anticipato dal segretario, Alfredo Bontempo. I dipietristi chiederanno a Lapenna due assessorati. Uno per Antonio Spadaccini, che alla prima candidatura ha raggranellato subito 390 preferenze, l’altro per Corrado Sabatini, che pure alle primarie aveva preso apertamente le distanze da Lapenna.

Rifondazione comunista – La Federazione della sinistra-Rc rivendica un posto, in virtù di un intero mandato di fedeltà a Lapenna, primarie comprese. Ma se l’altra volta aveva due consiglieri, ora ne ha uno, rientrato nell’assise solo col premio di maggioranza conseguente la vittoria del 30 maggio scorso. Questi sono i punti deboli su cui battono i detrattori. I comunisti non mollano.

Sel – I giochi sono già fatti dentro Sinistra ecologia e libertà: Anna Suriani verrà confermata nella squadra di governo della città, lasciando in Consiglio il posto a Maurizio Vicoli, che comporrà la pattuglia dei vendoliani insieme a Mauro Del Piano, sindacalista Cgil al primo mandato.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su