vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Il Comitato:"Piattaforme, la Regione non fa ricorso"

Più informazioni su

VASTO – La Regione Abruzzo non presenta ricorso al Tar contro l’installazione di nuove piattaforme petrolifere in mare e gli ambientalisti partono all’attacco del governo regionale.

Non opponendosi al giudizio positivo espresso dai Ministeri dell’Ambiente e dei Beni culturali sulla compatibilità ambientale delle perforazioni, il presidente della Regione, Gianni Chiodi, e il centrodestra “hanno definitivamente buttato giù la maschera, rivelandosi per quello che sono: alle parole ed i proclami di maniera a favore della tutela dell’ambiente non hanno fatto seguire un bel niente sul piano amministrativo ed ora, grazie al loro attivismo al contrario, il rischio di avere nuove trivelle in Adriatico si fa più vicino e concreto”, commenta il comitato Emergenza Ambiente Abruzzo.

L’autorizzazione è stata richiesta dalla Petroceltic, compagnia irlandese con sede in Italia. Sotto accusa anche i metodi di ricerca che verranno utilizzati: la tecnica è quella dell’air gun: si provocano delle micro-esplosioni in mare per studiare le onde riflesse dal sottosuolo e verificare in questo modo la presenza di giacimenti di idrocarburi. Poi, in caso di esito positivo, si procede alla perforazione.

L’area in cui verranno effettuate le esplorazioni è ampia “circa 730 chilometri quadrati e localizzato a 40 chilometri dalla costa abruzzese ed a soli 26 chilometri dalle Isole Tremiti”, spiega Emergenza ambiente Abruzzo, secondo cui “Si tratta di una decisione grave, assurda ed incomprensibile, ma non inaspettata visto che la Regione Abruzzo, sebbene invitata in ben due occasioni, il 27 aprile 2010 e il 19 maggio 2010, ad esprimersi sui contenuti del discusso decreto del Ministero dell’Ambiente, non ha espresso pareri, men che meno ci stupisce il voto dell’assessore Mauro Febbo che proprio dovrebbe difendere agricoltura e pesca, poiché in più di una occasione ci ha dimostrato il contrario”.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su