vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

"Musica di Festa", rassegna di qualità all'Oratorio salesiano

Più informazioni su

VASTO – Il 28 giugno è cominciata l’edizione 2011 di Musica di Festa, ospitata anche quest’anno nell’Anfiteatro Minot,lo spazio all’aperto dedicato agli spettacoli musicali e non situato all’interno del complesso dell’Oratorio Salesiano (entrata da via Santa Caterina da Siena).

La prima serata non ha deluso. Le atmosfere create dai “VERA TRIO” hanno scaldato il pubblico; la cantante brasiliana, Tatiana Valle, voce e chitarra, è il cuore di questa formazione, completata da i due musicisti che hanno mostrato tutto il loro talento, Nicola Di Camillo, basso e contrabbasso, e Bruno Marcozzi, batteria. Il pubblico ha intrapreso con loro un viaggio musicale attraversando il Sud America soffermandosi sul Brasile.

Il programma dei due prossimi appuntamenti è molto interessante.
Il primo luglio alle 21:30 ci saranno gli “ASHER”, un gruppo rock progressive formatosi nel 2007 a Pescara e che musicalmente si ispirano a gruppi molto tecnici come Dream Theater, Deep Purple, Pink Floyd. I loro testi sempre inediti, vogliono esprimere le loro idee ed i loro valori, questi ultimi fondati su un cristianesimo concreto, affrontando vari argomenti della vita.

L’ultimo appuntamento, quello del 5 luglio, sempre alle 21:30, sarà il momento del Jazz con i “TEA FOR FOUR” che nascono dalla costola strumentale degl Acustic Quartet Project nel 2005. I TFF traggono il loro nome dal brano di Youmans “Tea for Two”, uno standard di inizio ‘900 che rese celebre il quintetto Hot Club de France, in cuio suonava il leggendario chitarrista di gipsy jazz Django Reinhardt e il violinista più elegante che la storia del jazz abbia mai conosciuto, Stephane Grappelli. I TFF nelle loro performance intraprendono un viaggio musicale e spirituale nella musica gipsy e popolare, nel tango, nel blues e lo swing, nel minimalismo e nella musica per cinema, nel rock progressive.

La partecipazione è gratuita e, soprattutto, da non perdere.

Giuseppe Di Falco

Più informazioni su