vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Scuola e carcere, "insieme per crescere"

Più informazioni su

VASTO –  Venerdi  1 luglio si è svolta presso  l’area trattamentale  della Casa Circondariale di Vasto una significativa ed emozionante cerimonia di  chiusura delle attività scolastiche 2010/2011. Il Direttore della Casa di Reclusione Dott. Carlo Brunetti , il Commissario Ettore Tomassi e le educatrici Antonella Tondi e Giuseppina Rossi hanno accolto in un clima di ospitalità i capi di Istituto, Dott.ssa Maria Pia Di Carlo per la scuola primaria di primo grado e Dott.ssa Letizia Stangarone della scuola Media Rossetti e del CTP (Centro Territoriale Permanente) i docenti titolari  delle classi III A, la III media del corso territoriale serale nonché una rappresentanza di alunni delle classi delle classi partecipanti al progetto  “Il sole a strisce” curato dal professor Franco Sacchetti.

“La scuola nel carcere è un valore aggiunto”, evidenzia  la Dott.ssa Maria Pia Di Carlo,” per una Direzione Didattica che ha il piacere di lavorare su basi educative  con  insegnanti preparati in raccordo  con direttori  comandantied  educatori  di una struttura detentiva sensibile e rispettosa della propria  funzione rieducativa”.

La dirigente Letizia Stangarone afferma: ” ho avuto l’opportunità  di conoscere la realtà  della scuola nel  carcere nella mia prima reggenza direttiva a Bari ed è stata per me  un’ esperienza molto formativa  chemi ha  rincontrata nell’attuale dirigenza e che  continuerò a  seguire con un particolare  impegno ed  attenzione”.

“La scuola nel carcere può e deve aprirsi al territorio per educare ed essere educata, per questo abbiamo abbracciato il progetto “Il sole a strisce” afferma l’educatrice Giuseppina Rossi responsabile dell’area trattamentale “. Prosegue il professor Franco Sacchetti: “E’ stato  un progetto  d’integrazione partito inizialmente nella  perplessità del raccordo tra le utenze  eterogene per vissuti e fasce di età  ma terminato con risultati sorprendenti di condivisione diretta e di scambio nella trasversalità  di messaggi educativi mediante  elaborati fumettistici. Bisogna abbattere i muri del pregiudizio per  sensibilizzare ed educare le nuove generazioni ad una partecipazione  più attiva che parta dalla consapevolezza e dalla conoscenza”.

Di qui le insegnanti del Centro Territoriale, della Scuola Media Rossetti  Giuseppina Iampietro, Innocenza M. Di Virgilio, , Elio Baccala’, Adelaide Bartolini, e della scuola elementare  Miranda Sconosciuto hanno consegnato i diplomi di licenza media ed elementare e gli attestati di frequenza ai corsi integrativi del Centro territoriale Permanente per l’educazione degli Adulti (Lingua italiana per stranieri, Lingua Inglese, Informatica di Base).

Emozionante e sentito è stato il discorso di  speranza e di fiducia rivolto da  Nicola La Palombara, alunno della scuola Media Rossetti ,agli alunni detenutie  l’incontro tra i differenti mondi in una stretta di mano.
A conclusione il Direttore della Casa Circondariale di Vasto  ha sottolineato: “L’apertura al territorio e la  comune progettualità  con le  istituzioni scolastiche  promuove   la  conoscenza  delle problematiche del pianeta carcere  nella importante e grande  funzione rieducativa e non unicamente e riduttivamente  punitiva”.

Miranda Sconosciuto

Più informazioni su