vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Aggrediti alla stazione del porto di Vasto

Più informazioni su

VASTO – Un increscioso episodio è avvenuto alla stazione di Vasto sabato scorso, facendo riemergere il problema della sicurezza in questo luogo, quotidianamente frequentato dai pendolari che viaggiano sui treni regionali. Negli anni la stazione ha subito un lento processo di abbandono. Soprattutto nelle ore serali si respira una chiara sensazione di insicurezza.

A raccontare l’accaduto, che ha coinvolto il padre e la nonna, è una ragazza vastese, G.C. le sue iniziali.

“Sabato scorso, 6 agosto, presso la stazione del porto di Vasto, è avvenuta un’aggressione ai danni di mio padre e mia nonna, mentre attendevano tranquillamente nello spiazzo esterno antistante ai binari il treno per Pescara delle ore 18.50.

All’improvviso un uomo di nazionalità straniera si è scagliato contro mia nonna seduta accanto a lui su una panchina. Ha cominciato minacciandola con un pugno, per poi andare sui binari e  procurarsi delle pietre che ha lanciato violentemente contro di lei con il preciso intento di ucciderla, come ha più volte esplicitato con gesti minatori. Fortunatamente il rapido intervento di mio padre, che ha deviato la traiettoria delle pietre, ha permesso alla nonna di restare illesa, ad eccezione di un piccolo graffio sulla schiena. A quel punto l’aggressore si è scagliato su mio padre tirando calci e pugni all’impazzata, senza però riuscire a ferirlo grazie alla sua prontezza di riflessi che gli ha consentito di parare i colpi e di uscire incolume dalla colluttazione.

All’arrivo della Polizia, l’aggressore è stato catturato mentre cercava di fuggire sul treno in partenza. Ha tentato una seconda fuga aggredendo l’agente donna che lo teneva momentaneamente in custodia facendola cadere a terra, ma è stato subito bloccato dall’altro agente che è riuscito con difficoltà a immobilizzarlo e metterlo in manette”.

Presso la stazione sono installate telecamere a circuito chiuso che hanno filmato l’intero accaduto.

“Sono stati attimi di panico -continua G.C. nel racconto-, non soltanto per i miei familiari, ma anche per tutte le altre persone presenti, che si sono allontanate dalla stazione. Credo che un episodio di violenza tale e gratuita, in pieno giorno e in una stazione ferroviaria frequentata come quella del Porto di Vasto, sia un campanello d’allarme che non può e non deve passare inosservato.

Il Porto di Vasto è un importante punto di scalo ferroviario cittadino per i molti pendolari che quotidianamente viaggiano (me compresa), ormai da diversi anni totalmente abbandonato a se stesso e a frequenti atti vandalici notturni. Mi chiedo se questo triste e pericoloso episodio non sia l’occasione giusta per migliorarlo e valorizzarlo, rendendolo un luogo pubblico più sicuro ed efficiente, all’altezza di una cittadina in forte espansione quale è Vasto”.

“In assenza di una specifica denuncia della parte lesa, lo straniero, di nazionalità lituana, è stato denunciato dalla polizia per oltraggio e aggressione a pubblico ufficiale”, afferma il vice questore Cesare Ciammaichella, dirigente del Commissariato di Vasto.

giusepperitucci@yahoo.it

 

Più informazioni su