vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Uomo colpito con un tirapugni, polizia denuncia 17enne

Più informazioni su

VASTO – Un uomo aggredito con un tirapugni in località Pagliarelli. Gli agenti del Commissariato di Vasto hanno denunciato un diciassettenne per l’episodio accaduto a marzo alla periferia settentrionale della città. La vittima si era affacciata alla finestra, lamentandosi per i rumori molesti nelle ore notturne. Da lì la provocazione a uscire di casa e la successiva aggressione.

La ricostruzione dei fatti – “Un gruppo di ragazzi – afferma il vice questore Cesare Ciammaichella – dopo aver partecipato ad una festa di compleanno, faceva un gran baccano per le strade della contrada, senza rispettare il riposo delle persone nella ore notturne.
Un signore si era affacciato al balcone della sua abitazione e aveva rimproverato i ragazzi perché le urla impedivano il riposo notturno.
Dopo un breve momento di quiete però i ragazzi erano tornati alla carica.
L’uomo esasperato si era affacciato nuovamente al balcone ma era stato pesantemente insultato dai ragazzi scatenati.
Uno dei ragazzi lo aveva provocato ed offeso dicendogli che se aveva coraggio doveva scendere in strada ed affrontarlo.
Cosa che l’uomo,  nell’ottica del buon padre di famiglia, non si era fatto ripetere due volte, forse anche per la giovane età del gruppo di ragazzi, con la speranza di porre fine al baccano”, scrive in un comunicato il dirigente del Commissariato di via Bachelet.

“Una volta in strada – prosegue il racconto di Ciammaichella – mentre l’uomo discuteva con il gruppo, dei ragazzi che fino a quel momento si era tenuto in disparte lo chiamava da dietro le spalle.
L’uomo non faceva in tempo a girarsi che veniva colpito in pieno viso da un potente pugno.
A sferrare il colpo era stato un minorenne che la vittima credeva di conoscere, forse perché abitava poco distante dalla sua abitazione.
Il paradosso è che la persona colpita conoscesse bene la famiglia del ragazzo aggressore”.

La vittima ha riportato un taglio profondo all’altezza del sopracciglio, giudicato guaribile in 16 giorni dai medici dell’ospedale San Pio da Pietrelcina di Vasto.

Sul posto sono intervenuti polizia e carabinieri, che hanno ricostruito la vicenda e, dopo che l’uomo ha riconosciuto il minorenne, hanno fatto scattare la denuncia al Tribunale dei minori dell’Aquila per lesioni personali aggravate e uso di arma impropria.

“Dalle indagini – spiega l’ufficiale di pubblica sicurezza – è emerso che il minore aveva tirato il colpo impugnando una noccoliera di metallo, chiamata più comunemente tirapugni.
E’ un’ arma propia costituita da quattro anelli saldati insieme ad un pezzo di ferro e viene calzata sulla mano di preferenza, per potenziare la violenza del colpo”. La vendita dei tirapugni in Italia è consentita, ma sono vietati il porto e l’utilizzo.

Più informazioni su