vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Book & Wine, terza edizione di successo

Più informazioni su

VASTO – La terza edizione di Book & Wine si chiude con un bilancio sicuramente positivo. Il Festival della letteratura, organizzato dall’Associazione culturale Sideshow, in collaborazione con l’Amministrazione comunale e la cantina San Michele, ha visto la partecipazione di scrittori di fama nazionale e di un pubblico sempre numeroso e attento.

Nella suggestiva location dei giardini napoletani di palazzo d’Avalos, per quattro sere è andato in scena il connubio tra letteratura e buon vino. Per avere una giusta dimensione di questa edizione vale la pena di ricordare i nomi degli autori che che sono saliti sul palco per presentare le proprie opere: Fabio Rizzoli, Michele Monina, Alessandro Berselli, Francesca Bertuzzi, Simone Gambacorta, Francesca Bonafini, Mascia Di Marco, Patrizia Rinaldi, Nadia Terranova.

Particolarmente apprezzato è stato il Laboratorio di scrittura “L’arte del racconto”, a cura dello scrittore Alessandro Berselli. La conclusione, nella serata del 16 agosto, ha richiamato il pubblico delle grandi occasioni, che ha assistito alla presentazione della rivista “Le voci di dentro”, scritta quasi interamente dai detenuti delle Case circondariali di Vasto, Chieti, Pescara e Lanciano. Chiusura con un ospite d’eccezione, Sandro Sangiorgi, uno dei massimi esperti di vini ed enogastronomia a livello mondiale, che ha presentato il suo libro “L’invenzione della gioia”, con l’introduzione di Fabio Riccio, collaboratore de Le Guide de L’Espresso e di Osterie d’Italia.

Insomma, una manifestazione che continua a crescere costantemente, proponendo serate dal grande spessore culturale, unite al piacere di un buon bicchiere di vino. Molto soddisfatti gli organizzatori, sia per i riscontri numerici del pubblico, che per gli apprezzamenti ricevuti durante le quattro serate della manifestazione.

Messa in archivio questa edizione, lo sguardo è già proiettato verso il prossimo anno, sempre con tante idee da sviluppare, affinchè la tradizione di questo Festival possa consolidarsi e imporsi alla ribalta nazionale. Le premesse ci sono tutte.

Giuseppe Ritucci

Più informazioni su