vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

"Vastesi venite a studiare a L'Aquila!"

Più informazioni su

VASTO – Cresce notevolmente l’offerta abitativa pubblica per gli studenti universitari che già studiano a L’Aquila o che cominceranno quest’anno la loro avventura nel capoluogo abruzzese.
L’Azienda per il Diritto agli Studi Universitari ha infatti messo a disposizione oltre 400 posti letto presso la Struttura Ex Campomizzi, situata in via S.S. 80 Contrada Casermette, nei pressi dell’Hotel Amiternum.
Basterà andare sul sito dell’Adsu L’Aquila (http://www.adsuaq.org/) e più precisamente su Sportello On-Line 2011-2012 per compilare la domanda di borsa di studio, dove si potrà selezionare anche la voce “alloggio”.

Ci sarà l’opportunità di essere inseriti nella graduatoria alloggio anche se si risulta non idonei alla borsa di studio, versando 140 euro mensili per la stanza doppia e 200 per la singola.
Un risultato importantissimo, conquistato anche grazie alle numerose battaglie fatte nell’anno precedente dall’Unione degli Universitari (UDU) volte a garantire un numero sufficiente di posti per gli studenti ad affitti ragionevoli.

La Struttura Campomizzi rappresenta una grande “chance” per il progetto di ricostruzione sia sociale-relazionale che urbanistico-edilizio.

Il grande progetto, di cui l’UDU si è fatta promotrice, è la progressiva trasformazione, palazzina per palazzina, in grande campus universitario a gestione regionale-universitaria.
Un campus universitario all’interno della città da ricostruire e immediatamente adiacente al centro storico che deve tornare ad essere abitato e vissuto, rappresenta l’occasione per realizzare a pieno quanto in forma diversa avveniva già prima del terremoto: una città universitaria vera e propria, a dimensione di studente, di convivenza tra universitari e cittadini, tra interessi dell’Università ed interessi della Città.

Allora, giovani vastesi e delle zone limitrofe, cosa aspettate?
Fate domanda!
C’è posto anche per voi quest’anno.

Roberto Naccarella

Più informazioni su