vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Angelo Pollutri: "Consorzio, intervengano i sindacati"

Più informazioni su

VASTO – E’ preoccupato il sindaco di Cupello, Angelo Pollutri, dopo la notizia della vendita del Consorzio di Bonifica di Vasto.

“Tale scelta, soprattutto se avallata dai Sindacati agricoli, che sono stranamente silenziosi sull’operazione -scrive Pollutri in una nota-, rappresenterebbe un altro schiaffo alla credibilità organizzativa del territorio vastese. Infatti, agli allarmi di crisi nei settori come quello dell’industria, vi sarebbe da aggiungere quello del comparto agricolo, settore anch’esso fondamentale per il territorio vastese”.

Secondo il sindaco di Cupello la perdita degli uffici tecnici e di rappresentanza della struttura, rappresenterebbe un danno economico di notevoli dimensioni, “se si considera che con il completamento della diga di Chiauci il settore agricolo potrà avere, nel prossimo futuro,  materia prima (acqua a scopo irriguo) per ammodernare il comparto produttivo agricolo”.

Esprime poi parere favorevola con la proposta avanzata dal Concordo con la sollecitazione del consigliere provinciale Giuseppe Forte “nel considerare l’eventualità di uno spostamento della sede del Consorzio  da località sant’Antonio Abate a località Zimarino presso la sede del COTIR. La forza di tale proposta sta nel fatto che sia  l’attuale sede sia  un eventuale spostamento al COTIR rappresentano zone facilmente raggiungibili da tutto il comprensorio vastese. E’ ovvio che resta ferma la convinzione che alla città di Vasto va affidato il ruolo di “Capitale” del comprensorio, però la stessa deve dotarsi di generosa responsabilità,  sapendo che sulle proprie spalle ci sono altri 29 comuni”.

Pollutri invita poi i sindacati appartenenti al settore agricolo a mobilitarsi, “informando tempestivamente i propri iscritti  sulla volontà della deputazione che dirige il consorzio di Bonifica a trasferire la sede dello stesso in località Piazzano di Atessa, ciò comporterebbe gravi difficoltà logistiche per i coltivatori del vastese, che sarebbero costretti  ad arrivare in Val di Sangro per relazionarsi  con l’Ente”.

giusepperitucci@yahoo.it

Più informazioni su