vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Parco: sì a maggioranza, Pdl: referendum

Più informazioni su

VASTO – Il Parco della Costa teatina resta un obiettivo fondamentale per l’amminsitrazione comunale vastese. Si è conclusa da poco la riunione della commissione Assetto del territorio, chiamata a decidere sulle sorti del Parco. L’ala sinistra della maggioranza ha dato il suo parere positivo, annunciando che accetterà qualsiasi perimetro purchè il Parco si faccia.

Il centrodestra, invece, come annunciato in mattinata dal consigliere del Pdl Etelwardo Sigismondi, alza il muro del referendum sulla strada della riserva naturale che comporenderà il tratto litoraneo della provincia di Chieti. “A Vasto il parco andrebbe ad incidere su una zona fortemente antropizzata, dove la pianificazione  deve essere ragionata. Qui non c’è nessun tipo di progetto. Non solo: rischiamo di farci espropriare dal futuro ente parco ogni potestà decisionale sull’utilizzo del territorio. 

E’ ridicolo che l’amministrazione Lapenna, apparentemente favorevole al Parco, convochi la commissione il 13 settembre, a due settimane dal termine ultimo per la determinazione del perimetro. Bisogna, invece, applicare gli strumenti statutari  in grado di coinvolgere i vastesi: dalle consultazioni popolari ai referendum propositivi”.

Proprio lo stesso Sigismondi, insieme a Francesco Paolo D’Adamo (Rialzati Abruzzo) hanno sostenuto la soluzione del referendum durante la riunione della commissione. Proposta bocciata, perchè è prevalsa la linea della maggioranza. Si va così avanti sulla realizzazione del Parco. Il passaggio cruciale, ora, sarà quello di definire la perimetrazione.

“Sono state due ore proficue di riunione, in cui ogni gruppo consiliare ha avuto la possibilità di esprimere la propria posizione”, commenta il presidente della commissione Assetto del territorio Domenico Molino. “E’ stata espressa a larga maggioranza la volontà di fare in modo che le aree già protette della costa vastese possano essere valorizzate attraverso il Parco nazionale della Costa teatina.

In settimana il sindaco incontrerà associazioni e categorie produttive. Per la prossima convocherò una nuova seduta in cui verrà stabilito il perimetro da sottoporre all’approvazione del Consiglio nell’ultima settimana di settembre”.

Intanto, dall’opposizione giungono i primi distinguo: “Il referendum l’ha chiesto il Pdl. Io voglio che il Comune decida entro il 30 settembre a favore del Parco, purché su zona limitata”, afferma Davide D’Alessandro di Alleanza per Vasto.

Il 22 la questione Costa teatina approda in Consiglio comunale per l’approvazione definitiva.

 

Più informazioni su