vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Sevel, Cgil protesta: "Agli operai un premio vergogna"

Più informazioni su

LANCIANO – “Il premio vergogna”. Cosi’ la Fiom-Cgil di Chieti definisce il premio straordinario che la Sevel di Atessa accordera’, in caso di raggiungimento dell’obiettivo produttivo di 224.000 furgoni entro il 2011, agli operai che avranno lavorato almeno 1.500 durante l’anno.

“La direzione Sevel – si legge in un comunicato della Fiom della provincia di Chieti relativo all’accordo sottoscritto dalla direzione della Sevel e dai sindacati Uil-Uilm, Fim-Cisl e Fismic – con un colpo di mano ha inserito nel verbale la cancellazione del premio di risultato e la cancellazione del contratto nazionale di lavoro. Mentre i lavoratori rivendicano il premio di risultato 2010, Sevel, con la complicita’ degli altri sindacati, ha azzerato quel premio introducendo per il 2011 un nuovo premio denominato ‘straordinario Sevel’. Per la prima volta – sottolinea la Fiom, che non ha firmato l’accordo – si introduce in Fiat un premio tutto variabile con l’esclusivo parametro della reale presenza in fabbrica.

Se nel 2011 lavori per 1.700 ore si prenderanno 900 euro, se lavori meno di 1.500 ore il premio verra’ negato. Il risultato di questo pasticcio e’ che la quasi totalita’ dei lavoratori non prenderanno il premio perche’ l’accordo e’ discriminatorio. Il premio spetta solo a quelli che l’azienda gia’ premia e non spetta ai lavoratori che si ammalano, si infortunano, vanno in maternita’, in congedo parentale o matrimoniale, in 104, in donazione sangue, permesso elettorale, assistenza e morte di familiari, mentre vengono considerate assenze possibili, nel conteggio del premio, i permessi sindacali. Ad ogni assenza, per questi motivi, la Sevel togliera’ 8 ore di lavoro dalla soglia di 1.700 ore – continua la nota – questo premio ha materializzato le logiche degli accordi di Pomigliano e Mirafiori. La Fiom chiede la convocazione immediata dell’assemblea retribuita dei lavoratori per informare e valutare l’accordo sottoscritto”.

“Positiva”, secondo la Fiom, “l’assunzione di 250 interinali in sostituzione dei 330 trasfertisti e la crescita produttiva prevista per quest’anno di 224 mila veicoli”. (AGI)

Più informazioni su