vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Premio Nazionale Histonium, premiati i vincitori

Più informazioni su

VASTO – Consiglieri provinciali e regionali, assessori e altre tante grandi personalità riunite in nome della scrittura, di quella che è stata definita la “grande avventura letteraria che continua a incidere con energia sempre maggiore nella cultura italiana”.

L’evento che ha dato spazio a tutto ciò è il Premio Nazionale Histonium, arrivato alla sua XXVI edizione, forte di una fama ormai nazionale e di nomi importanti come Enzo Biagi, Ersilio Tonini, Mario Agnese, Licia Colò, Susanna Tamarro, Alda Merini, Michele Mirabella, Don Mazzi. La cerimonia si è tenuta nell’auditorium del Liceo Scientifico R. Mattioli, presentata dal segretario generale e fondatore dell’associazione il prof. Luigi Alfiero Medea.

Un concorso che promuove la scrittura in prosa e in versi e che ogni anno vede sempre più partecipanti. Parlano da soli numeri come 109 racconti, 94 poesie, 29 saggi, un dramma e  50 scritti su tema obbligato solo in concorso quest’anno.

Un grande lavoro insomma per la corposa giuria che non manca, anch’essa, di nomi importanti. A cominciare dai presidenti delle sette giurie: dott. Luigi Boccilli, cav. Giuseppe Catania, prof. Carlo Petracca, prof.ssa Anna Ventura, prof.ssa Gabriella Izzi Benedetti, prof. Vittoriano Esposito e porf.ssa Norma Malagrida, guidati nel giudizio da altri 18 membri impegnati a tenere alto il livello culturale del premio Histonium.

“Alla base di una così larga adesione – afferma infatti il cav. Giuseppe Catania, presidente del premio – è la serietà della giuria.”

Il Premio Nazionale Histonium oltre che porsi, come afferma ancora il presidente, “palestra di confronto tra narrativa è poesia, diventa anche motivo di promozione turistica”. Non si tratta infatti di un concorso limitato all’area vastese o alla regione Abbruzzo, ma che arriva in tutta Italia, con concorrenti provenienti addirittura da Francia e Svizzera.

Lo stesso presidente del consiglio comunale Giuseppe Forte, in rappresentanza dell’amministrazone vastese, definisce il premio “motivo di vanto e di onore, in quanto annoverato tra i migliori della penisola italiana”.

Non è solo occasione di promozione letteraria o spazio per scrittori dilettanti, ma anche gratificazione e riconoscimento nei confronti di brillanti personalità. Assegnato infatti il premio cultura 2011 al prof. Guido Brunetti, scrittore e studioso nel campo delle neuroscienze. “La cultura è conoscenza e la conoscenza è bene”, risponde il professore nel ricevere la targa.

Secondo Premio Cultura 2011 al Comandante Legione Carabinieri del Molise Gianfranco Rastelli. “Questo premio continua a vivere per merito vostro e dello spirito di voi vastesi, che vi concentrate nei sentimenti e vi impegnate per trasmetterli”, risponde commosso il comandante

Alla giovanissima Carla Angelucci, Tenente Pilota e poetessa, il Gran Trofeo della Cultura Lucio Valerio Pudente.Dimostra la sua brillantezza nel linguaggio dicendo alla platea : “Il volo, per me personalmente, è la poesia più bella che possa esserci”.

Un riconoscimento va anche all’AVIS, nella persona del suo presidente il dott. Pasquale Colamartino, premiato con l’Histonium d’oro per la solidarietà. “In effetti anche in questo caso parliamo di cultura, la cultura del dono, una delle più profonde. Vasto dimostra di essere ricca di cultura umanistica ma anche di solidarietà.”

Meritatissimo l’Histonium d’oro per meriti professionali assegnato alla prof. Rosa Lo Sasso, sempre attiva perchè la scienza rimanga viva nella città di Vasto. “In genere lavoro per far conquistare premi ai miei studenti, e sono loro i veri premi quando riportano grandi successi in seguito all’esperienza liceale- ha spiegato la professoressa -. Per quanto riguarda il Festival della Scienza, non so se Vasto si sia resa conto di quanto grande sia questo evento e dei nomi sempre più importanti che ospita.”
 
Histonium d’oro anche a TRSP, ritirato dal suo fondatore don Stellerino d’Anniballe, “perchè irradia la nostra Vasto attraverso la cultura cristiana in tutta Italia e in parti dell’Europa”.

Per meriti artistici invece l’Histonium d’oro assegnato a Luigi di Tullio, direttore del coro polifonico Histonium,  impegnato a portare Vasto nel mondo attraverso la sua musica.
Ed è proprio la sua musica che ha chiuso questo ricco incontro di parole e cultura.

Mariangela Potente

Più informazioni su