vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Triangolare, vittoria della San Gabriele

Più informazioni su

VASTO – Servivano segnali positivi e sono arrivati. Nel triangolare disputato sabato pomeriggio presso la Palestra di via Silvio Pellico, a cui hanno preso parte San Gabriele, Isernia e Montella, le vastesi hanno messo in evidenza i frutti del duro lavoro di queste settimane di preparazione.

“Abbiamo fatto ancora un piccolo passo in avanti -ha dichiarato Ettore Marcovecchio a fine giornata-. Ho visto netti miglioramenti in difesa e in attacco. Dovremo però lavorare ancora molto in ricezione e a muro”.

Le vastesi hanno vinto entrambe le partite per 2-1, contro buone squadre, che saranno prossime avversarie in campionato. Anche se si tratta solo di amichevoli è già un buon segnale. In campo c’è stato molto agonismo. “Ho rivisto la stessa grinta che aveva contraddistinto le ragazze durante i play off dello scorso anno, che si sono colcusi con la promozione in B2”.

Proprio il carattere delle ragazze vastesi è stata l’arma in più, che ha permesso in più di un’occasione di colmare il gap tecnico con le avversarie. E sarà importantissimo mantenere la stessa concentrazione e la stessa grinta nel prossimo torneo di B2, ormai imminente, nel quale non ci saranno squadre deboli, e bisognerà cercare di fare punti in tutte le partite.

Nel triangolare di ieri è stata molto buona la prova di Laura Delli Quadri, chiamata quest’anno a fare il definitivo salto di qualità e diventare un vero punto di riferimento per la squadra. Solita affidabilità per la palleggiatrice Annalisa Mileno e per Caterina De Marinis, in netta crescita è apparsa Valeria Altieri. Ma un po’ tutte le giocatrici mandate in campo da Marcovecchio hanno mostrato buoni segnali. Si continuerà a lavorare, per arrivare al meglio all’esordio in B2.

Giovedì 29  ci sarà il primo impegno ufficiale della stagione, con l’esordio in Coppa Italia contro le rivali storiche del Casoli alle 19.30 alla Palestra di via S. Pellico.

Giuseppe Ritucci

Più informazioni su