vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Spaccio: tre arresti, sequestrato un chilo di eroina

Più informazioni su

VASTO – Carabinieri fingono di essere clienti di un ristorante per seguire i movimenti di tre persone sospette che, una volta scoperte, provano a fuggire. Ne nasce un insegìuimento che si conclude con l’arresto. Nel carcere di Torre Sinello, a Vasto, sono finiti Abramo Di Guglielmi, 37 anni, Michele D’Alessio, 55, e Adel Abdellaoui, 34, tunisino, tutti e tre residenti a Roma. Sequestrati un chilo di eroina e 15mila euro in banconote.

I particolari dell’operazione sono stati illustrati stamani dal capitano della Compagnia di Vasto, Giuseppe Loschiavo, e dal sottotenente Loredana Lenoci, responsabile del Nucleo operativo e radiomobile.

In borghese – I militari dell’Aliquota radiomobile ieri sono entrati in azione in borghese, osservando i movimenti di persone sospette tra le migliaia della fiera di San Michele e nei luoghi maggiormente frequentati della città in questi giorni che precedono le festività patronali.

Inoltre hanno eseguito “controlli e pedinamenti nei pressi delle abitazioni di soggetti notoriamente dediti alle attività delittuose”, spiega Loschiavo.

Appostati in un ristorante, i carabinieri hanno fatto finta di essere semplici clienti. Nel locale “avevano modo di notare la presenza di tre personaggi sconosciuti che, con fare sospetto, si aggiravano a bordo delle loro autovetture proprio in prossimità di uno di questi obiettivi”.

E’ così che hanno iniziato a stare alle costole dei tre uomini fino all’uscita dal centro abitato di Vasto. La Bmw X5, a un certo punto, aumentava la velocità d’andatura, perché i sospettati si erano accorti “verosimilmente della presenza” di investigatori “in abiti civili” e per questo “si davano alla fuga”.

Iniziava l’inseguimmento fino alle porte di Monteodorisio, dove l’auto veniva fermata e iniziava la perquisizione. “Depositate nel cassettino del cruscotto – afferma Loschiavo – i carabinieri rinvenivano numerose banconote, legate con un elastico, mentre all’interno di una Punto, occultato in mezzo ad altro materiale e alcuni capi di abbigliamento, rinvenivano un involucro di cellophane contenente eroina per un peso complessivo di oltre un chilo”.

I tre fermati sono stati arrestati e condotti nel carcere di Vasto in attesa di essere interrogati dal magistrato di turno, il pm Giancarlo Ciani.

Più informazioni su