vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Due novembre, il ricordo dei defunti: a migliaia al cimitero

Più informazioni su

VASTO – Oggi, 2 novembre, è il giorno in cui si commemorano i defunti. Già da ieri, festa di Tutti i Santi, migliaia di vastesi si sono recati presso il cimitero per far visita ai propri cari che non ci sono più.

In questi giorni il luogo dell’eterno riposo si riempie di fiori, piante, lumini, portati da parenti più stretti o semplici amici e conoscenti. Oggi pomeriggio, come da tradizione, si terrà la messa celebrata dall’Arcivescovo Bruno Forte nel piazzale del cimitero all’ingresso di via dei Conti Ricci.

La celebrazione, che verrà animata dai giovani dell’Oratorio salesiano, sarà trasmessa in diretta su Trsp.

Pubblichiamo una bella poesia del poeta vastese Fernando D’Annunzio, che ben cogli l’essenza di questa giornata, sia che la si via laicamente, che con uno spirito cristiano.

Due Novembre 
(L’Alme di li Murte)

Lu ciéle ugge pare ca vo’ piagne…
‘Na nebbiulìne cale e ttutt’ ammande,
s’appòse pe’  le case e li campagne,
mentre la ggènde va a lu Campesande.

E’ l’Alme di li Murte, e lu pinzìre,
trište, aricorde chi nin gi šta cchiù.
Nu fiore, nu lumìne, ‘na prihìre:
-“Requiem aeterna”, pace a ttutte vu’.-

Quanta lòcule, tombe, cappèlle…
Quanta nume, fitografìje e date,
di ggènde che da sèchile šta ‘èlle
e ggènde che da poche j’à lassàte.

Aritròve micìzie e canuscènde,
e li pirzone care di famìje,
me l’arivede vive nu mumènde,
invéce già si l’à ritòdde Ddìje.

Camìne tra li tombe, préghe e penze:
Doppe la vite n’ gi pò šta’ lu “niènde”…
L’Alme ni’ mmore… E crésce la speranze
d’aritruvàrce ‘n Ciéle tuttiquènde.

                                            Fernando D’Annunzio

Più informazioni su