vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Vastoviva: "Città satellite, no a scelte affrettate"

Più informazioni su

VASTO – Sulla costruzione della città satellite per 4mila persone al confine con San Salvo non si facciano scelte frettolose. Lo chiede Vastoviva, l’associazione fondata da alcuni attivisti del Pd: Angelo Bucciarelli, Maria Amato, Raimondo Pascale e Paolo Marino.

“Il nuovo ospedale in località Pozzitello, le infrastrustrutture e gli insediamenti urbani limitrofi necessitano di un armonico sistema progettuale.
Vale la pena correre avanti alle procedure per la realizzazione di un nuovo ospedale che non abbiamo ancora la certezza che si farà  (la certezza ci verrà dai fondi stanziati), alla variante al prg che è ancora da fare, con un progetto per colle Pizzuto che così com’è senza l’ospedale, rappresenta un ulteriore superfluo, inutile, dannoso consumo di suolo?
La risposta ovvia è che non vale la pena e che per il progetto sigma-siv come per tutto il resto delle azioni che riguardano la collettività non si può vivere di estemporaneità ma tutto va obbligatoriamente ricondotto alla programmazione, alla coerenza e al coraggio delle scelte”, afferma Vastoviva.

“La ubicazione dell’ospedale determina un condizionamento nello sviluppo di quell’area che non si può automaticamente tradurre nella prevalente edilizia residenziale, ma necessita di uno studio attento delle necessità in servizi di quell’area, anche attraverso il Piano intercomunale”, sostengono Bucciarelli, Amato, Pascale e Marino.

“Le scelte di questo peso determinano seri condizionamenti per il futuro” e “quando si è costruita un’area destinandola ad una specifica funzione questa interferirà con la nostra vita, vincolerà risorse economiche, determinerà ulteriori progetti di sviluppo. Nulla è eterno o inamovibile, ma poi delocalizzare non è semplice e a Vasto lo sappiamo bene. Tutti i nodi si intrecciano nel Piano regolatore generale”.

Più informazioni su