vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

4 Novembre: "I caduti per l'Italia unita" – Foto

Più informazioni su

VASTO – Si sono svolte oggi le celebrazioni per il 4 novembre, fine della Prima Guerra Mondiale e Festa delle Forze Armate, giorno dedicato alla memoria dei caduti in tutti i conflitti.

A Vasto la manifestazione è iniziata con un corteo che ha condotto i partecipanti, amministratori, tutte le Forze dell’ordine, le associazioni dei combattenti e i ragazzi delle scuole, fino alla cattedrale di San Giuseppe, dove don Gianfranco Travaglini ha celebrato una messa in memoria dei caduti vastesi.

Poi, con un lungo corteo, sotto la precisa direzione del Cavalier Mario Pollutri, presidente della sezione Anmi di Vasto, ci si è diretti per deporre le corone d’alloro nei tre luoghi che conservano la memoria dei caduti: piazza Brigata Maiella, il cippo dedicato ai Caduti del mare, dove si è svolto anche l’alzabandiera ed è stata recitata dal farista Biagio Santoro la preghiera del marinaio, e il Momumento ai Caduti in piazza Caprioli.

Qui, dopo la deposizione della corona d’alloro, i discorsi del presidente del Consiglio Comunale Giuseppe Forte e del sindaco Luciano Lapenna, hanno ricordato il senso di questa giornata, che nel 2011 ha assunto ancora maggior valore, in occasione delle celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia.

Forte ha citato le parole pronunciate ieri da Napolitano sulla necessità di mantenere unito il Paese nel durissimo periodo della crisi economica. Il presidente dell’assemblea civica si è rivolto direttamente agli alunni delle scuole, sottolineando che questa è la celebrazione della fine del Primo conflitto mondiale: “Cari ragazzi”, “quella Grande Guerra esaltò il coraggio e l’appartenenza”, rafforzando il sentimento di unità nazionale. Le festività del 4 Novembre si prolungano al giorno successivo. Ieri la manifestazione provinciale a Chieti, oggi quella cittadina a Vasto. Un importante appuntamento con la memoria “per chi, come il sottoscritto, negli anni Sessanta partecipava alle manifestazioni studentesche in difesa del popolo istriano”.

“La memoria non vada cancellata”, ha detto Forte, elogiando “la nobile iniziativa di restauro di questo monumento” ai Caduti vastesi di tutte le guerre.

giusepperitucci@yahoo.it

Più informazioni su