vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Troppi incidenti sull'Istoniense: "Si corre troppo"

Più informazioni su

VASTO – Due incidenti in tre giorni, con 5 macchine coinvolte e 7 persone ferite. Si tratta certamente di coincidenze, ma è quanto basta per far scattare il campanello d’allarme sulla viabilità lungo la circonvallazione Istoniense.

La strada che collega da nord a su la città passando esternamente al centro abitato, nel corso degli anni ha visto aumentare ai suoi lati gli insediamenti abitativi. Quando fu inaugurata, il traffico veicolare era certamente minore. Questo ha contribuito a farla considerare come una strada a scorrimento veloce, con percorrenze a velocità elevata.

Ma il limite orario è di 50 km/h, anche se non molti sembrano accorgersene. Sono 5 i semafori posizionati lungo il percorso, in corrispondenza degli incroci più insidiosi. Ma alcuni non sempre sono funzionanti.

Inoltre, negli orari di ingresso e uscita dalle scuole, qui si riversa il traffico di tutti gli istituti della zona a ridossi di via dei Conti Ricci-via Madonna dell’Asilo, e quello degli autobus in entrata e uscita dal Terminal.

E sono tante, ormai, le abitazioni che sorgono ai due lati dell’Istoniense, con conseguenti punti di immissione nella strada. Ieri sera, in occasione dell’incidente frontale tra due auto, alcuni dei residenti si lamentavano: “Le macchine qui corrono troppo, a volte con manovre di sorpasso davvero pericolose. Bisogna fare qualcosa, altrimenti continueranno tutti questi incidenti”.

Secondo Andrea Bischia, consigliere comunale di Progetto per Vasto, “il primo intervento da effettuare è la realizzazione di 4 rotatorie per rallentare il traffico, ma renderlo comunque fluido e sicuro.
Le rotatorie in questione dovrebbero essere installate una all’incrocio in prossimità del distributore Erg di via Valloncello, un’altra all’altezza della scuola elementare Spataro di via Dante Gabriel Rossetti, una terza all’incrocio con viale Paul Harris, l’ultima all’altezza della nuova chiesa San Marco”.

Giuseppe Ritucci

Più informazioni su