vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Auto a fuoco, la vittima: "Forse non vogliono farmi lavorare"

Più informazioni su

VASTO – L’ombra del racket sull’ennesimo incendio doloso. Quello che stanotte ha distrutto vicino allo stadio Aragona di Vasto due auto e danneggiato una terza: Fiat Panda, Mazda 2 e un’automedica della Croce Rossa. Le mani ignote che hanno appiccato il fuoco volevano colpire la prima. E ci sono riuscite. La Panda è andata distrutta.

A Vastoweb parla la proprietaria, O.R., 46 anni, originaria della Repubblica Dominicana, ma cittadina italiana a tutti gli effetti. Vive a Vasto da 5 anni insieme al marito e ai due figli. E’ titolare di un’impresa di pulizie.

Attorno alle 10 del mattino, quando sono trascorse 7 ore dall’allarme, torna sul luogo in cui era parcheggiata la sua Fiat Panda, distrutta dalle fiamme e portata via dal carro attrezzi. L’aveva comprata due anni fa. Della vettura è rimasto solo lo scheletro in metallo. “Quest’altra”, dice indicando la Madza 2 parcheggiata di fianco, “ha avuto pochi danni perché la mia macchina è andata giù per la scalinata”. E indica la grande macchia nera maleodorante che segna l’area in cui la “Panda” e l’automedica della Croce Rossa sono andate completamente a fuoco: tra gli ultimi gradini della scalinata e l’inzio del parcheggio. Non è la prima volta che qualcuno la prende di mira.

“Perché è successo? Non sono mai stata minacciata da nessuno. Ma mi avevano già ammaccato la macchina. Forse a qualcuno non va giù il fatto che io lavori”.     

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com                
                       

Più informazioni su