vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

D'Alessandro (ApV): "L'amministrazione va riconfigurata"

Più informazioni su

VASTO – “La compagine amministrativa va riconfigurata”. Davide D’Alessandro sembra favorevole a un cambio di maggioranza. Il consigliere comunale di Alleanza per Vasto non lo dice apertamente. Ma è lecito pensarlo dopo l’apertura ai centristi invocata da Domenico Molino (Pd) e dopo che lo stesso esponente di Apv ha detto: “Io nel Pd? Perché no”.

La vicenda della centrale a biomasse a Punta Penna ha tracciato un solco profondo tra i due tronconi del centrosinistra: da una parte Pd e Giustizia sociale, che hanno sostenuto il sindaco, Luciano Lapenna, nel no al ricorso al Tar. Dall’altra Idv, Sel e Rifondazione comunista, contrarie all’impianto da 4 megawatt progettato dalla società svizzera Istonia Energy e autorizzato dalla Regione con il parere favorevole del primo cittadino.

 “Chiedere una verifica di maggioranza a poco più di 4 mesi dall’insediamento del sindaco rieletto dai cittadini vastesi, che ha dunque il diritto e il dovere di amministrare la città fino al 2016, non è soltanto il segno di un disagio, ma è la conferma di quanto abbiamo sostenuto durante e dopo la campagna elettorale”, commenta D’Alessandro.

“La compagine che sostiene il sindaco ha bisogno di essere riconfigurata, poiché ci sono forze al proprio interno che non hanno cultura di governo, che non sono in grado di assumere decisioni anche impopolari con fermezza e responsabilità, troppo sensibili al richiamo della piazza, agli spifferi che provengono da questa o quella associazione. Le forze irresponsabili, a Roma come a Vasto, hanno tutto il diritto di non cogliere il senso del dramma di un Paese ridotto allo stremo, ma non possono impedire alle forze responsabili di coglierlo e di adoperarsi per portare avanti un programma di rigenerazione della politica a tutti i livelli. Alleanza per Vasto è forza responsabile. Api e Udc, come stanno dimostrando a Roma, sono forze responsabili”.

Più informazioni su