vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Sparò all'amico, rinviato il processo per un malore

Più informazioni su

VASTO – Rinvio al prossimo 29 novembre. Lo ha deciso stamani il Gup del Tribunale di Vasto, Anna Rosa Capuozzo, al termine dell’udienza sul tentato omicidio avvenuto a Vasto Marina il 28 aprile scorso, quando cinque colpi di pistola sono stati esplosi contro un pescatore del posto, Graziano Scutti, 42 anni.

La persona accusata del grave fatto di sangue, Alessandro Iarocci, 42 anni, ha accusato un malore. “Un’insufficienza cardiaca. Era cianotico”, afferma l’avvocato Massimiliano Baccalà, che insieme al suo collega Fiorenzo Cieri difende l’accusato.

Sottoposto di recente a un delicato intervento chirurgico, l’uomo si trovava ricoverato nella struttura sanitaria del carcere di Regina Coeli a Roma, prima di essere condotto a Vasto per il giudizio abbreviato chiesto dai suoi legali. Stamani, all’arrivo al palazzo di giustizia di via Bachelet, è stato fatto salire su un’ambulanza del 118 e trasportato all’ospedale San Pio da Pietrelcina.

Al termine della breve udienza e dopo una pausa per decidere, il Gup ha disposto il rinvio. Si tornerà in aula il 29 novembre prossimo.

La sera del 28 aprile scorso, davanti al bar Blue Marine di Vasto Marina, Iarocci aveva esploso cinque colpi di pistola calibro 357 magnum, ferendo gravemente Scutti, rimasto in coma per tre giorni prima di riprendersi.

Più informazioni su