vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

"Nuovo albergo a Vasto. A chi andranno i benefici?"

Più informazioni su

VASTO – Da una nostra lettrice, Laura Russo, riceviamo una lettera sulla questione della costruzione del nuovo albergo sulla Circonvallazione.

“Interessante domanda quella posta dal Consigliere Maurizio Vicoli a proposito del progetto di lottizzazione con insediamento commerciale ed alberghiero presentato al Comune di Vasto dalla LITOS s.r.l. Tuttavia mi sorprende che, nonostante la  lungimiranza consueta negli ecologisti, non sia riuscito a trovarne la risposta.

Cui prodest? Forse alle molte decine di famiglie vastesi che vedrebbero concretizzarsi il miraggio di uno stipendio da portare a casa? E’ poca cosa che in un momento storico in cui anche le maggiori realtà industriali (Pilkington) paventano cassa integrazione e chissà cos’altro, qualcuno decida di investire su Vasto, dando un po’ d’ossigeno all’occupazione, all’indotto e al cash flow?

Nella sua esposizione il Consigliere Vicoli ha trascurato alcuni particolari a proposito della viabilità e della convenienza che il Comune avrebbe ad approvare la proposta LITOS.
Ha ragione quando parla dell’inutilità dello studio di viabilità consegnato in Comune a seguito di una sua specifica richiesta, non perché sia quello che definisce ‘ lo studio di un giovedì, venerdì e sabato di fine ottobre’, ma perché l’intervento non necessita di uno studio di impatto ambientale per le infrastrutture di viabilità e trasporti decretato dal Presidente del Consiglio dei Ministri il 27/12/88. Inoltre lo studio oggettivo ed imparziale è stato già condotto illo tempore, da chi di competenza, prima di assegnare ai terreni in oggetto la destinazione di ‘commerciale’ e ‘ricettivo – turistico’.

Proprio per evitare criticità del traffico sono state realizzate due strade ampie e comode.
Che senso ha disquisire oggi dell’aumento del traffico in caso di insediamenti commerciali o alberghieri, quando il Comune stesso ha attribuito a quei terreni la summenzionata destinazione urbanistica?

Altra accezione sollevata dal Consigliere Vicoli riguarda i 2000 mq. di proprietà del Comune inseriti nella lottizzazione. Il Comune ha spontaneamente rinunciato a sfruttare la relativa cubatura a patto di non partecipare alle spese di urbanizzazione. E’ stato il Comune a chiedere la realizzazione di un parcheggio: per chi? Non certo per il centro commerciale, né per l’albergo, dal momento che entrambe le strutture sono stare progettate con un numero di parcheggi che le rende autosufficienti. Tanto è vero che l’ultima Commissione ha chiesto lo spostamento dell’area adibita a parcheggio pubblico sulla V. Conti Ricci, praticamente staccandola dai parcheggi privati.

Non serve un parcheggio? Meglio un campo da pallavolo, magari al servizio delle scuole attigue? Ditelo! Adesso!!! Non continuate a mettere a dura prova la pazienza di investitori che, in controtendenza, credono in Vasto e nelle sue potenzialità.

Non private molti dei nostri concittadini della dignità che un posto di lavoro conferisce, né le loro famiglie del benessere che ad esso consegue.
Cui prodest?  Omnibus nobis” 
Laura Russo

Più informazioni su