vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Colella e Ranieri: "Centrale, un Consiglio straordinario"

Più informazioni su

VASTO – Un Consiglio comunale straordinario sulla questione centrale a biomasse e un incontro urgente col sindaco di Vasto, Luciano Lapenna. Lo hanno chiesto stamani Antonio Colella, Domenico Ranieri e Gianfranco Carpi, del comitato Ambiente e Territorio, durante una conferenza stampa tenutasi nella sede dei Cobas, in via Martiri della Libertà. Il nuovo movimento raggruppa i comitati di quartiere Punta Penna e Pagliarelli, Incoranata, San Paolo, Ciccarone, Vasto Marina.

Colella elenca uno per uno i punti secondo cui la centrale non potrebbe sorgere nell’area di Punta Penna. “La petizione non deve essere rivolta solo al sindaco, ma a tutti gli enti istituzionali, fino alla commissione europea”. C’è poi il richiamo a quanto avvenuto ad Avezzano, dove l’unione dei sindaci di Avezzano e Luco dei Marsi ha bloccato la costruzione di una centrale.

Dal canto suo, Ranieri, spiega che i Cobas, anche a livello nazionale, si stiano muovendo per intervenire sulal vicenda. Carpi, ben consapevole che ormai la situazione è in fase avviata è convinto che solo uana forte azione popolare possa smuovere qualcosa “Quello che ci interessa è la tutela della salute. Questo stabilimento diventa la porta aperta per altri insediamenti simili o superiori a Punta Penna”.

I comitati sono due – Ora i comitati sono due. Si allarga a Vasto il fronte del no alla centrale termoelettrica a biomasse che la Istonia Energy sta per realizzare a Punta Penna. Il terreno è stato recintato ieri. Si trova in via don Pino Puglisi, nella zona industriale ma a poche centinaia di metri dalla riserva naturale di Punta Aderci.

“Passare dalla parole ai fatti”. Lo chiede il Comitato cittadino per la tutela del territorio in un documento suddiviso in cinque punti:

1. Il terreno è stato recintato. In loco il cartello recita: “Inizio lavori: 22 novembre 2011”. Per la centrale ad oli vegetali di Punta Penna è l’ora di passare dalle parole ai fatti.

2. Il comunicato dei partiti della maggioranza cittadina dello scorso venerdì 25 conteneva, tra le altre cose , na dichiarazione di principio: “Le forze politiche di maggioranza […] ritengono che il nascente Parco Nazionale della Costa Teatina e l’esistenza della Riserva di Punta Aderci all’interno dell’area di Punta Penna non possono sopportare ulteriori attività industriali”.
Bene. Questo è il momento di passare dalle parole ai fatti.

3. È il momento, per questa Amministrazione comunale, di dare risposta alla prima delle cinque nostre proposte: che “il Comune di Vasto chieda alla Regione di riesaminare l’autorizzazione rilasciata per la centrale a biomasse di Punta Aderci”. Abbiamo raccolto, in una settimana, più di 1500 firme (la raccolta, lo ricordiamo, continua anche online ). Siamo certi di interpretare il sentimento della stragrande maggioranza dei vastesi.

4. Il riesame dell’autorizzazione non è solo possibile. È anche doveroso. Perché dopo il rilascio dell’autorizzazione è accaduto qualcosa di nuovo: la pubblicazione, da parte dell’Associazione “Porta Nuova”, dei dati sulla qualità dell’aria rilevati dal Mario Negri Sud, su incarico della Provincia. Questi dati, siamo i primi a dirlo, richiedono tutte le verifiche e gli approfondimenti del caso. Ma intanto ci sono, sono tutt’altro che rassicuranti, e soprattutto sono (da anni) gli unici dati disponibili: la zona di Vasto si colloca, in una scala da 1 a 7, al grado 2, ad “alterazione alta”, corrispondente ad una qualità dell’aria molto scarsa.
Non intendiamo ingenerare allarmismi, ma diciamo chiaro che nessuno, a cominciare dall’Amministrazione comunale, può permettersi di sottovalutarli o peggio di ignorarli.

5. Sul sindaco di Vasto incombe una grave responsabilità. Può far finta di niente, consentendo un impianto che appesantirebbe ulteriormente una situazione già di per sé preoccupante. E, peggio ancora, aprirebbe la strada di Punta Penna ad altri impianti già in viaggio (un’altra centrale, 4 volte più grande; un impianto di recupero di rifiuti speciali pericolosi; un cementificio). Oppure, “nell’interesse della salute pubblica” come prevede la legge , può chiedere alla Regione di riesaminare l’autorizzazione rilasciata.

6. Sappiamo che gli interessi in gioco sono forti. Ma qui il conflitto è tra l’interesse economico di pochi anzi di pochissimi, e l’interesse comune alla tutela della salute pubblica.
Vedremo da che parte il Sindaco, con la sua maggioranza, si schiererà. In ogni caso i cittadini di Vasto ricorderanno a lungo questa scelta.

Intanto, si è costituito un altro comitato. Si chiama Ambiente e Territorio. I referenti sono Antonio Colella e Domenico Ranieri. Sono stati loro a rivelare ieri che il terreno su cui sorgerà la centrale è stato recintato, segno dell’inizio dei lavori.

Più informazioni su