vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Tagli Fs: "Partire da Vasto-San Salvo è un'odissea"

Più informazioni su

VASTO – E’ il giorno in cui entrano in vigore i nuovi orari di Trenitalia e i viaggiatori iniziano a prendere coscienza di quella che è la nuova situazione. La stazione di Vasto-S.Salvo, che serve (a questo punto dovrebbe servire) due località turistiche, un comprensorio con migliaia di abitanti, diventa una stazione di seconda o terza classe.

I tagli si sono abbattuti sulle corse più popolari, intercity e notturni, a favore di treni più moderni e veloci, Frecciabianca e Frecciarossa. Peccato, però, che lungo la dorsale adriatica, l’alta velocità sia ancora un miraggio. E quindi, spesso, ci si ritrova a pagare biglietti non proprio economici senza averne in cambio un servizio adeguato.

Come già detto, per andare da Vasto a Milano, o a Torino, servirà almeno un cambio (Pescara o Bologna). A vivere le conseguenze di questi nuovi orari, saranno sicuramente gli studenti universitari, che si apprestano a tornare a casa per le feste natalizia. Luca, studente di ingegneria a Milano, dice: “Per tornare a casa sarà un bel problema. Bisognerà cambiare per forza a Bologna oppure arrivare fino a Pescara e i prezzi sono aumentati. Durante l’anno, viaggiavo di notte per poter fare qualche weekend a casa. Ora non potrò più sfruttare questa occasione”. Poi c’è anche da considerare che con i cambi c’è sempre il rischio di poter perdere la coincidenza, oppure di dover partire con molto anticipo per evitare di perdere il secondo treno. 

I viaggiatori che utilizzano lo scalo vastese, già ridimensionato, con la biglietteria aperta per poche ore al giorno e solo nei giorni feriali, vivono con dispiacere questa situazione. Racconta Stefania, titolare del bar Trenogrill. “In molti si sono lamentati. Qui fermano sempre meno treni. Eppure Vasto è un punto di riferimento, perché comunque è il punto estremo di una regione”. 

Non va meglio anche al trasporto regionale. Per andare a Pescara, l’ultimo treno in partenza da Vasto-S.Salvo è alle 20.38. Da Pescara a Vasto l’ultima corsa è alle 21.08. Poi il nulla, il che costringe a dover utilizzare la macchina quando si prevede di restare fuori anche in orari serali. Insomma, Vasto e il suo comprensorio subiscono pesantemente gli effetti di questa riorganizzazione di Trenitalia. L’auspicio è che almeno la Sangritana, possa finalmente far partire i progetti di collegamenti con Bologna, che permetterebbero di raggiungere con meno disagi lo snodo della circolazione ferroviaria del Paese.

Giuseppe Ritucci

Più informazioni su