vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Pedoni investiti nel Vastese: nel 2011 4 morti e 7 feriti

Più informazioni su

VASTO – Quattro morti e 7 feriti gravi. Un bilancio agghiacciante. Nel 2011 sono state investite 11 persone del Vastese. Senza contare i casi lievi, quelli che non entrano nelle tristi statistiche delle tragedie, accadute o sfiorate.

 

A tre giorni dalla fine dell’anno, si allunga la scia di sangue sulle strade. Luigi Dell’Arciprete muore a 35 anni. E’ la terza vita spezzata nel 2011 dalle auto che travolgono i pedoni.

 

Il pesante bilancio è segnato di nero in 4 date: 7 luglio, 21 luglio, 22 settembre e oggi, 28 dicembre. Quattro ferite aperte nel cuore di altrettante famiglie.

 

7 luglio – Un uomo di 78 anni, Romano Losi, ingegnere di Roma in ferie a Vasto, perde la vita dopo essere stato investito insieme alla compagna, M.L., 75 anni, sulla Statale 16, in località San Tommaso. Inutile il disperato trasporto a Pescara in eliambulanza. Ferita la donna.

 

21 luglio – Nicola Vincenzo Lomma, 88 anni, nato a Castelmauro (Campobasso) e residente a Palata (Campobasso), è a Vasto Marina in vacanza. E’ ospite della figlia, che risiede in città. In famiglia due giorni fa ha festeggiato il compleanno dell’uomo, che esce a piedi. Sono le 9 del mattino, quando viene travolto da un’auto in viale Dalmazia, davanti all’Istituto San Francesco. L’ambulanza parte a sirene spiegate. Ma il pensionato muore prima dell’arrivo all’ospedale San Pio da Pietrelcina.  

 

22 settembre – Al bivio tra Casalbordino e Villalfonsina un’autocisterna travolge Francesco Tatasciore, 53 anni, cicloamatore di Atessa. Per i soccorritori nulla da fare.

 

Feriti – Per puro caso il bilancio non è più pesante. In ordine di tempo, l’ultimo vastese travolto da un’auto è una donna di 51 anni. E’ accaduto a Montesilvano, dove l’automobilista prima è scappato e poi, tramite il suo avvocato, si è rivolto ai carabinieri per raccontare la sua versione dei fatti: dice di non aver visto l’anziana dopo aver sbattuto con la sua Bmw contro un pulmino comunale.

 

Il 17 novembre si è sfiorata la tragedia al terminal bus di via Conti Ricci, a Vasto. Un autobus di linea, appena messo in moto, è balzato sul marciapiede e ha distrutto una pensilina. Sulla panchina era seduta Giuseppina Sabatini, 67 anni, di Scerni. Gli interventi chirurgici a Vasto, Chieti e San Benedetto del Tronto le hanno salvato l’uso delle gambe. Sembra un bollettino di guerra. L’8 dicembre, a Casalbordino, un ragazzo di 17 anni ferito nell’impatto con il furgone cassonato Fiat Iveco di un trentaduenne artigiano del paese che ora deve rispondere di lesioni aggravate, fuga e omissione di soccorso. Alla vittima è stata asportata la milza. Il 9 settembre era toccato a un bimbo di 10 anni, investito a San Buono, il trasporto d’urgenza in eliambulanza all’ospedale Santo Spirito di Pescara.

 

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

 

 

Più informazioni su