vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Piero Sisti presenta l'appuntamento con Giorgia Meloni

Più informazioni su

VASTO – Oggi pomeriggio, alle 17, a Palazzo d’Avalos, vi sarà l’incontro con l’onorevole Giorgia Meloni, ex minsitro della Gioventù, nell’ambito del ciclo di appuntamenti organizzato da Fo&Pa, la scuola politica che raccoglie le adesioni dei giovani del centrodestra e non solo. A presentare questo evento è Piero Sisti.

Come sta andando la scuola di formazione?
Questo è il quarto incontro e devo dire che sta andando benissimo, c’è stata molta risposta tra i giovani.

Questa volta l’ospite è di un certo peso politico, di cosa parlerà?
L’onorevole Meloni ripercorrerà le trame del suo libro, in cui si narrà di una parte d’Italia, fatta di giovani, di donne che si impegnano con passione e dedizione in diversi ambiti, di quella parte d’Italia che combatte tutti i giorni in silenzio per potercela fare. Coraggio ed impegno è il loro motto, insomma c’è un’Italia che crede, è l’Italia in cui credere. In questo senso racconterà di esperienze reali di persone della società civile.

In questo periodo di critica ai partiti e alla politica in generale ci sono tanti giovani che comunque continuano a impegnarsi. Perché si innesca questa passione e questa partecipazione?
I partiti sono una forma democratica e secondo me ci si deve credere perché in democrazia uno si può misurare in vari modi, stando in maggioranza o in minoranza, anche se ovviamente è meglio stare in maggioranza, per poter fare tutta una serie di esperienze.

Le scuola di formazione politica si stanno diffondendo tra vari schieramenti. Prima una sorta di scuola si faceva nelle sezioni, oggi si cercano altre forme più moderne. Come la trovi questo tipo di esperienza?
I tempi cambiano, purtroppo le sezioni oggi hanno anche dei costi e non tutti i partiti riescono a mantenerle. Per questo motivo si formano le scuole dove si organizzano degli appuntamenti in luoghi pubblici ai quali tutti possono partecipare. Nelle sezioni le persone partecipano forse con più trasporto, però il fatto di incontrarsi in occasioni che vanno oltre una sigla di partito permette di allargare la base dei partecipanti, anche grazie alla diffusione fatta dai media.

Da questa scuola politica che sta coinvolgendo un alto numero di giovani cosa può venir fuori di buono e di positivo, per chi ha partecipato e per il territorio?
La formazione è importante perché da questa si parte per avere un percorso politico. Questo è l’inizio, dopo la stagione estiva ci saranno anche altri eventi. Tra questi vorremmo organizzarne anche uno che faccia capire come nasce un consiglio comunale o come si scrive una delibera, entrando anche nello specifico della macchina amministrativa. Faremo questi percorsi per far capire anche come nasce una scuola di formazione politica.

Il gruppo che ha dato vita a Fo & Pa si auspica di aumentare il numero di giovani che partecipano attivamente alla vita politica.
Noi vogliamo che in tanti partecipino per iniziare a capire che la politica si fa tutti i giorni, non si deve aspettare il momento del grande evento politico nazionale. Così un giovane può iniziare a
capire cosa vuol dire impegno in politica, perché i giovaniil futuro della politica. Vogliamo dare alla politica una generazione diversa.

Giuseppe Ritucci

Più informazioni su