vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

"Prospero e Tagliente, impegnatevi contro le centrali"

Più informazioni su

VASTO – Siano Antonio Prospero e Giuseppe Tagliente, consiglieri regionali di maggioranza, a impegnarsi per evitare la costruzione delle centrali termoelettriche a biomasse nella zona industriale di Punta Penna, a Vasto. A chiederlo è Ivo Menna, ambientalista e leader della lista civica La Nuova Terra, in una lettera aperta indirizzata ai due esponenti del centrodestra.

La lettera – “Il consiglio comunale di Vasto, nella sua ultima sessione, alla unanimità ha deliberato due ordini del giorno la cui volontà  esprimeva netta contrarietà agli insediamenti industriali inquinanti: Biomasse della Histonia Energy da 4 megawatt, biomasse da 17,4 megawatt di Puccioni, l’impianto di ricogenerazione degli acidi (Puccioni), e il cementificio progettato da un ex assessore democristiano. Il consiglio provinciale ha recepito le delibere del consiglio comunale di Vasto e a sua volta ha deliberato alla unanimità la sua contrarietà alle industrie sopra descritte.

In questo momento il ruolo piu’ importante è determinato dai voi due consiglieri regionali vastesi Antonio Prospero, e Giuseppe Tagliente che militate nel centro destra, e che nella storia amministrativa avete ricoperto le cariche di Sindaco di Vasto e di  assessore alla Regione (Antonio Prospero) e di presidente del Consiglio regionale (Giuseppe Tagliente).

Vi faccio rilevare come il candidato sindaco del Pdl, (da voi indicato) dottor Mario Della Porta abbia sposato la causa ambientale della città nostra presentando una mozione e un ordine del giorno contro gli insediamenti inquinanti nell’area di Punta Penna e si sia comportato coerentemente attivandosi per la richiesta di convocazione dell’ultimo Consiglio comunale da cui sono scaturite le due delibere.

Cari Prospero e Tagliente, tocca a voi fare la vostra parte in seno al Consiglio regionale, perché vi sia un deliberato di tutto il Consiglio regionale che blocchi e scongiuri la minaccia dei nuovi mostri.

Non voglio ricordare gli errori del vostro passato amministrativo in rapporto all’area industriale di Punta Penna;  noi siamo interessati al futuro ambientale della nostra città, alla crescita di un turismo nuovo e ambientale, e di imprese pulite che operano in quell’area. Questa è una occasione per rimediare all’errore di un ultimo consiglio regionale dove non avete appoggiato la proposta del consigliere Franco Caramanico Sel.

Penso che non vogliate essere ricordati nella storia vastese come i responsabili del degrado ambientale e la fine di quell’area che la natura ha modellato per goderne le bellezze salutari”.

Redazione Vastoweb

Più informazioni su