vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Fosso Marino, al via i lavori per arginare la fogna

Più informazioni su

VASTO – Al via il risanamento della rete fognaria di Vasto Marina. L’obiettivo è evitare una seconda estate di emergenza. Lo scorso anno due tratti di costa per complessivi 600 metri erano stati vietati alla balneazione in piena stagione turistica perché liquami fognari si erano riversati in mare. La Sasi, la società che gestisce le reti idriche e fognanti in provincia di Chieti,  ha transennato l’area in cui nei prossimi giorni inizieranno i lavori per la costruzione di una vasca di raccolta in grado di intercettare la melma, evitando lo sversamento in mare.

“Le videoispezioni, svolte nelle tubature con un’apparecchiatura dotata di telecamera, hanno evidenziato diversi allacci abusivi alla rete fognante”, ha dichiarato il presidente della Sasi, Domenico Scutti.  “Le azioni legali non toccano a noi, ma agli organi competenti”.  Ma a chiedere come Sasi e Comune intendano agire per punire i colpevoli è l’Osservatorio per Fosso Marino, composto da rappresentanti di Progetto per Vasto, Fli, Movimento per le autonomie,  alcuni professionisti e operatori turistici.
“Le videoispezioni hanno evidenziato diversi scarichi abusivi”, ha raccontato Scutti durante la conferenza in municipio.  “Azioni legali? Non toccano a noi, ma agli organi competenti”. 

Ora a chiedere come Sasi e Comune intendano agire per punire i colpevoli è l’Osservatorio per Fosso Marino, composto da rappresentanti di Progetto per Vasto, Fli, Movimento per le autonomie,  alcuni professionisti e operatori turistici: “Non si hanno notizie relative alle indagini sugli allacci abusivi e non autorizzati di acque bianche e di quelle fognarie. Insomma, se la Sasi ha ritenuto di dover aggiungere una seconda vasca di raccolta e di dover realizzare una seconda condotta verso il depuratore posto a sud di Vasto Marina avrà trovato ragione di tali interventi nelle anomalie riscontrate e nell’insufficienza degli impianti. Di questo è indispensabile chieder conto”.

L’associazione Codici procede, intanto, con la class action, l’azione legale collettiva a tutela di cittadini e turisti che avevano protestato la scorsa estate: “Della vicenda – racconta il responsabile locale, Riccardo Alinovi – si sta interessando la nostra sede centrale di Pescara. E’ stato avviato l’iter tecnico per chiedere all’autorità giudiziaria di riconoscere il risarcimento ai bagnanti che hanno dovuto sopportare le esalazioni maleodoranti sulla spiaggia di Vasto Marina. L’auspicio è che l’inchiesta prosegua fino all’individuazione dei responsabili”.

Per il risanamento di Fosso Marino e la condotta destinata a convogliare le acque bianche, gli interventi sono a carico del Comune, che li ha affidati tramite gara d’appalto all’impresa De Francesco di Castelpetroso (Isernia). “Credo che già la prossima settimana consegneremo il cantiere alla ditta per l’inizio dei lavori”, ha annunciato Vincenzo Sputore, assessore comunale ai Servizi.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su