vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Trenitalia e Sangritana rinnovano l'accordo

Più informazioni su

VASTO – Il presidente del Cda di Sangritana Pasquale Di Nardo lo aveva già annunciato nei giorni scorsi: “Si troverà un nuovo accordo tra le due società, perchè è nell’interesse di tutti”. E così è stato, grazie al lavoro di mediazione della regione, in particolare dell’assessore ai trasporti Giandonato Morra.

”Il tempestivo intervento dell’assessorato ai Trasporti e la fattiva collaborazione delle due aziende di trasporto, Trenitalia e Sangritana, hanno scongiurato ogni possibile disagio per l’utenza, assicurando la prosecuzione, fino al prossimo 31 dicembre, della convenzione in atto, che consente di viaggiare sui servizi ferroviari di competenza delle due aziende con un unico titolo di viaggio”, è il commento di Morra al termine dell’incontro di questa mattina.

Possono così stare tranquilli gli utenti del trasporto ferroviario, che vede scongiurata l’ipotesi di dover utilizzare due biglietti distinti per le diverse compagnie.

“Nel corso dell’incontro – si legge in una nota diramata dalla Regione- è stato stabilito inoltre che, da subito, verranno studiate nuove forme di integrazione tariffaria fra i due vettori, nell’ambito di un progetto generale di integrazione a livello regionale, all’interno del quale verranno affrontate e sciolte anche le attuali problematiche inerenti la convenzione. Nel frattempo, il servizio di controlleria a bordo dei treni sara’ effettuato da ciascuna delle due aziende, ognuna sui propri servizi, in ottemperanza a quanto dispone la nuova legge regionale n.8 del 2012 in materia di sistema sanzionatorio”.

Soddisfatto per questo accordo il presidente Di Nardo: “Abbiamo salvaguardato i nostri utenti -dice il presidente-. Non ero presente all’incontro, perchè per Sangritana c’erano il direttore amministrativo e il direttore generale, ma sono stato informato tempestivamente del nuovo accordo. In questi mesi si costituirà un gruppo di lavoro che dovrà studiare delle nuove soluzioni, che rispettino gli obiettivi delle due società ma che soprattutto vadano nell’interesse dei viaggiatori”.

Giuseppe Ritucci

 

Più informazioni su