vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

"Stop alla centrale, scoprire il danno e i responsabili"

Più informazioni su

VASTO – “L’azienda sta facendo tutto quello che le compete secondo i dettami di legge”. Lo afferma l’ufficio stampa della Istonia energy, la società che ha intenzione di costruire una centrale termoelettrica a biomasse a Vasto, nella zona industriale di Punta Penna.

“E’ stata la Istonia energy a eseguire i carotaggi e a far svolgere le analisi sulla caratterizzazione del suolo”, sottolinea l’azienda. La legge impone all’imprenditore che vuole aprire una nuova attività di far eseguire gli studi sulla composizione del terreno. Dalle analisi commissionate dalla Istonia energy è emersa la presenza di piombo e cloruri in quantità rilevanti. I risultati sono stati inviati all’Arta, agenzia regionale di tutela dell’ambiente, che ha stilato una relazione e l’ha girata al Comune di Vasto.

Sulla base di quella nota il sindaco di Vasto, Luciano Lapenna, ha firmato l’ordinanza che blocca i lavori.

“Ora bisognerebbe capire chi ha inquinato”, commenta Michele Celenza, coordinatore del Comitato cittadino per la tutela del territorio. “E si dovrebbe scoprire da dove vengono queste sostanze nocive trovate, è bene ricordarlo, in un terreno che si trova all’interno della zona di protezione della riserva naturale di Punta Aderci. Ora si apre un capitolo del tutto diverso: è necessario vedere se l’inquinamento è localizzato o no, ossia se si trova solo in quel terreno o anche nelle aree circostanti. Che la zona fosse inquinata lo avevamo detto”.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su