vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Operaio licenziato dalla Pilkington, il Prc aderisce al sit-in

Più informazioni su

VASTO – “A quanto sembra la Pilkington vuole anticipare i tempi della riforma del lavoro, licenziando un lavoratore che fortunatamente può invece ancora godere del diritto stabilito dall’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, ad essere reintegrato in caso di licenziamento illegittimo”. Il circolo Sante Petrocelli di Rifondazione comunista di Vasto annuncia il suo sostegno al sit-in di protesta davanti alla sede di Confindustria, in corso Mazzini, indetto dalla Confederazione Cobas.

Il motivo del contendere è il licenziamento di Alfonso Pacilli, un operaio della Pilkington di San Salvo. Il Prc “adercisce al presidio di venerdì 4 maggio, alle 10,30”.

Per falce e martello, il licenziamento è illegittimo, “essendogli stato comminato dalla Pilkington durante un periodo di infortunio sul lavoro. In questi casi la legge italiana parla chiaro: è di fatto vietato il licenziamento di lavoratori nel periodo di infortunio sul lavoro o malattia. A meno che non vi sia una giusta causa, e cioè avrebbe dovuto aver luogo un inadempimento o un comportamento del lavoratore tanto gravi che qualsiasi altra sanzione sarebbe stata insufficiente a tutelare l’azienda. Ma può essere una giusta causa l’aver deciso, come ha fatto Pacilli, di avvalersi del suo sacrosanto diritto di cittadino a rivolgersi ad un giudice per le ingiurie che ritiene di aver ricevuto da una persona che ricopre importanti funzioni aziendali? Evidentemente no.

Una situazione del genere, se venisse confermata nel caso del licenziamento di Alfonso Pacilli da parte della Pilkington, sarebbe inaccettabile e dovrebbe essere fortemente stigmatizzata da tutte le organizzazioni sindacali in primo luogo, ma anche dalle forze politiche e da qualunque cittadino. Non può infatti passare nemmeno l’idea che un lavoratore, varcati i cancelli della fabbrica, debba smettere di essere un cittadino con pieni diritti, per assumere un atteggiamento da servo nel feudo del padrone”.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su