vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

"Operaio licenziato alla Pilkington, intervengano i sindacati"

Più informazioni su

VASTO – Cgil, Cisl e Uil si mobilitino per far reintegrare sul posto di lavoro l’operaio licenziato dalla Pilkington di San Salvo. Lo chiede l’ambientalista Ivo Menna, ex candidato sindaco di Vasto per la lista civica La Nuova Terra, in una lettera aperta che pubblichiamo.

La lettera – “Avevamo anticipato da qualche tempo che con la riforma del mercato del lavoro del nuovo governo Monti – Fornero si voleva restituire le mani libere all’impresa in nome della libertà dei mercati e dei capitali. Libertà quindi di licenziare. Ed ecco che anche a Vasto e a San Salvo apprendiamo dalla stampa che la Pilkington, l’azienda più grande della produzione di vetro per auto in Italia, ha licenziato un operaio.

Una violazione palese dell’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori che li tutela nei diritti conquistati con lotte durissime negli anni sessanta, e alla violazione della Costituzione italiana all’art. 41 che impone all’azienda il rispetto della libertà e della dignità del lavoratore. Esprimere solidarietà a questo lavoratore non basta.

Abbiamo sentito l’altro giorno in un convegno a Palazzo D’Avalos un dirigente della Pilkington, il dottor Graziano Marcovecchio, dire che la situazione economica e occupazionale dell’azienda volge verso un trend negativo e oscure nubi si addensano per il futuro dell’intero territorio del Vastese. Il dirigente ha rivolto da quella tribuna un appello accorato a tutta la politica per superare posizioni di divisioni e costruire invece un’alleanza affinché si fronteggi una crisi che potrebbe assumere risvolti drammatici per le famiglie e i settori economici del comprensorio.

Noi gli chiediamo: non contrasta il suo appello con l’atteggiamento della sua azienda che con l’atto di licenziamento di questo lavoratore Alfonso Pacilli vuole imprimere una svolta nelle relazioni sindacali favorendo una conflittualità con le stesse organizzazioni? Non sarebbe invece il caso di ristabilire un clima di intese e di collaborazione come lui stesso ha auspicato?

Noi siamo sempre stati a difesa del mondo del lavoro e di tutti coloro che hanno fatto grande l’azienda Siv, oggi Pilkington, e anche oggi non solo esprimiamo solidarietà all’operaio  offeso dal licenziamento; ma attiveremo forme di lotta affinchè la dignità e la libertà del lavoratore si riaffermi. Si invitano le organizzazioni sindacali Cisl, Cgil, Uil ad intervenire affinché Alfonso Pacilli possa riavere il suo posto di lavoro”.

Redazione Vastoweb

Più informazioni su