vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Modena City Ramblers, Radici nel cemento e The Dub Sync

Più informazioni su

SCERNI – Dopo tanta attesa domani arriverà a l’appuntamento con la prima edizione dello Scerni Live Festival, un evento voluto ed organizzato dalla Pro Loco e dal Comune di Scerni, con la direzione artistica di Fattore K eventi di Larino e e dell’Associazione Culturale In Festa di San Salvo, oltre alla collaborazione organizzativa di Italian Job Staff di San Salvo.

La Line up artistica è stata studiata per soddisfare gusti differenti e per rendere la serata un vero e grande evento di musica: folk, Reggae, dub sono gli ingredienti miscelati dalla sapienti mani dei Modena City Ramblers, delle Radici nel cemento e dei Dub Sync (il Live Set degli AFRICA UNITE) per un evento che si preannuncia il più importante della zona del Basso Abruzzo.

I Modena City Ramblers (noti anche nella forma abbreviata MCR)  Autodefiniscono il loro genere musicale come combat folk, dichiarando sin dall’esordio un amore incondizionato per il folk irlandese, le cui sonorità rimangono anche dopo l’influenza di altri generi, in particolare il rock[11] con contaminazioni punk. Sin dai tempi in cui suonano solo musica irlandese, i Modena City Ramblers, utilizzano brani strumentali della tradizione popolare (irlandese, scozzese, celtica e poi anche klezmer, balcanica, italiana) come basi per loro brani, come riff o come assolo.

Le Radici nel Cemento sono  un gruppo reggae italiano originario di Fiumicino (Roma), comparso nella scena reggae italiana nel 1993 portando una ventata di novità e di stile nel loro suono, tanto da iniziare quasi immediatamente un tour nazionale seguito da ospitate in festival e aperture di concerti importanti.

I “The Dub Sync” sono un trio formato da Madaski, Paolo Baldini e Papa Nico, tutti membri della formazione reggae più famosa d’Italia, gli Africa Unite. The Dub Sync è un progetto ad alto impatto dove le nuove tendenze sonore dancefloor si fondono con la tecnica e le atmosfere fluide del dub senza mai dimenticare l’incitazione al movimento.

Redazione Vastoweb

Più informazioni su