vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Pilkington, contratti di solidarietà, Cgil: "Politica assente"

Più informazioni su

SAN SALVO – Primi contratti di solidarietà alla Pilkington di San Salvo. La crisi del mercato dell’auto costringe i lavoratori ad accettare una riduzione dello stipendio.

Sui 1804 operai, i 1760 che hanno contratti diversi dall’apprendistato percepiranno l’80% dello stipendio base e niente paga accessoria. Per gli apprendisti non si applicano per legge gli accordi di solidarietà. Alcuni reparti hanno già raggiunto l’intesa con la multinazionale giapponese che produce vetro per automobili. E’ il caso del float a freddo e del settore temperati. “Al float i lavoratori cominciano da lunedì a rotazione”, spiega Emilio Di Cola, della segreteria provinciale della Filctem-Cgil.

Ma i sindacati partono all’attacco: “I lavoratori hanno fatto la loro parte, accettando i sacrifici”, sottolinea Giuseppe Rucci, segretario provinciale della Filctem-Cgil. “Ma la politica rimane ferma – attacca il sindacalista – e siamo in attesa di una risposta su questioni fondamentali per il futuro, come le infrastrutture e il porto di Vasto”.

Negli stabilimenti satellite Primo e Bravo, che hanno circa 450 dipendenti, ieri si è tenuto un incontro in cui l’azienda ha chiesto ai sindacati una deroga per i salari d’ingresso. Se dovesse passare questa linea, i più giovani si vedranno ridurre lo stipendio.

La speranza è che il decreto sulla crescita annunciato dal Governo Monti porti una boccata d’ossigeno: la stabilizzazione dei precari consentirebbe alle aziende di ottenere 10-15mila euro di sgravi fiscali per ogni lavoratore il cui contratto verrà trasformato da tempo determinato a indeterminato.

Michele D’Annunzio

 

Più informazioni su