vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Dopo la sconfitta elettorale Pd e Sel ricompongono l'alleanza

Più informazioni su

SAN SALVO – Nel centrosinistra di San Salvo è partita la “distensione”. Dopo mesi di scontri, con una campagna elettorale che aveva visto le forze dell’ex maggioranza presentarsi divise (Centrosinistra contro Nuovo centrosinistra), ecco che inizia a muoversi qualcosa negli schieramenti che oggi siedono sui banchi dell’opposizione in consiglio comunale. E’ una nota congiunta, a firma dei segretari cittadini di Sel, Emilio Di Cola, e Pd, Agostino Monteferrante,  a far intuire un nuovo assetto nello scacchiere politico sansalvese.

“Nella nostra città usciamo da una campagna elettorale difficile che ha visto la sconfitta di tutte le forze del centro e della sinistra. E’ stata una sconfitta elettorale e la destra unita ha vinto su tutti gli altri divisi. Eppure sui diversi candidati la città si è espressa con un forte orientamento progressista che è andato ben oltre il 50% dei voti”, scrivono i due, rimandando ai dati del primo turno elettorale.

Poi la critica all’attuale amministrazione Magnacca: “I primi mesi della nuova amministrazione confermano tristemente la regola e si assiste al continuo scaricabarile di responsabilità sul passato senza nessun beneficio sulle condizioni della città, restando in preda a euforie fuori luogo per eventi del tutto estemporanei. Ciò che è facile costatare è l’inefficienza amministrativa rispetto all’ordinario. Ciò che è ancora più grave è che non si riesce a leggere negli atti
amministrativi la traccia di un progetto complessivo che caratterizzi la città”.

Poi quello che di fatto è l’annuncio di una ritrovata alleanza tra le due forze poltiche. “Ciò che non può aspettare, che non può e non deve attendere gli eventi, è la costruzione di un nuovo progetto che abbia la testa rivolta in avanti, con tutto il corpo progressista della città rivolto in avanti, proteso ad afferrare le tracce di una nuova opzione per la città che amiamo. Abbiamo conosciuto la sconfitta ed ancora bruciano le ferite. Le sconfitte non sono mai facili. Quanto tempo dobbiamo aspettare per rialzarci? Quanto tempo ancora? Quanto tempo prezioso vogliamo ancora regalare alla sconfitta, ai rancori e alle divisioni che l’hanno generata? L’ipotesi di cambiamento matura solo nella fiducia e nell’unione mentre appassisce nella discordia e nelle divisioni”.

Di Cola e Monteferrante chiudono con un appello, rivolto alla città, ma di fatto indirizzato a San Salvo Democratica, Idv e Psi, forze del nuovo centrosinistra da cui si è “sganciata” Sel. “Facciamo appello a quanti non vogliono spegnere le speranze di un grande popolo, laborioso ed onesto, nella rassegnazione e nel rancore. Gli uomini e le donne del centro sinistra reclamano unità e sono i rappresentanti delle stesse forze politiche a dover rispondere”.

La prima mossa è stata fatta. Ora toccherà agli altri partiti prendere atto di questa situazione e decidere le proprie mosse. Per il centrosinistra sansalvese si preannuncia un autunno di grandi manovre.

Giuseppe Ritucci

Più informazioni su