vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Colpo degli Amici del Basket San Salvo: preso Toth

Più informazioni su

SAN SALVO – Gli Amici del Basket San Salvo ufficializzano l’ingaggio di Szabolcs Toth, pivot ungherese alto 208 cm, classe 1977, lo scorso anno nella Bcc Vasto Basket con la quale ha vinto il campionato di C2 regionale. La società del presidente Alberto Antenucci, dopo aver affidato la panchina a Linda Ialacci, prosegue quindi l’opera di rafforzamento dell’organico in vista del prossimo campionato di Serie D, nel quale il team del Gruppo D’Angelo&Antenucci punterà alle posizioni di vertice.

Toth è arrivato in Italia nel 2006 a Isernia in C2, dopo tre anni nella serie A1 ungherese nel Mafc Budapest, la stagione successiva fino a gennaio è stato a Termoli, sempre in C2, contribuendo alla vittoria del campionato, per poi passare al Senigallia. Nel 2008/09 ha giocato in Puglia a San Vito dei Normanni in serie D e anche qui ha vinto il campionato, poi un anno a San Vito Chietino con un primo posto in C2 e poi Vasto, dove la sua avventura è terminata anche a causa della regola che non permette di tesserare stranieri nella serie C Nazionale.

“Dopo San Vito Chietino e Vasto ho cercato di non allontanarmi da questa zona e mi fa molto piacere essere rimasto in Abruzzo – ha detto Toth – sono contento e devo ringraziare il presidente per gli sforzi che ha fatto per portarmi qui, mi hanno corteggiato molto, soprattutto Saverio Celenza. Perchè questa scelta? Mi piace far parte di un progetto che parte da zero, voglio provare a realizzare qualcosa di importante. Ci sono persone molto serie, come l’allenatore, la sua presenza ha influito sulla mia decisione ed è sicuramente una figura molto importante per noi, così come lo è il presidente, che mi ha fortemente voluto e spero di ricambiare facendo bene”. Poi un primo parere sulla squadra: “La conosco già bene perchè ho giocato insieme o contro i miei nuovi compagni, sono forti ed è un gruppo ambizioso, puntiamo a vincere il più possibile. Oltre a questo vogliamo anche portare entusiasmo in città e gente al palazzetto, speriamo che vengano a vederci”.

Giuseppe Mancini

Più informazioni su