vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

"Zavattaro smetta di fare politica a danno di Vasto e Lanciano", Lapenna all'attacco

Più informazioni su

VASTO. Ancora fuoco incrociato a Vasto sul riordino della sanità teatina.

“Il Direttore Generale della Asl Francesco Zavattaro rispetti il Comitato dei Sindaci eletto dai Sindaci della sua Asl e la smetta di fare politica a danno delle
realtà di Lanciano e Vasto”.

Non usa mezzi termini il primo cittadino Luciano Lapenna, nella veste di Presidente del Comitato eletto dai Sindaci, che replica così al manager della Asl.

“Siamo consapevoli del programma operativo 2010 – ha aggiunto Luciano Lapenna – e del decreto Baraldi che abbiamo sempre contestato così come oggi contestiamo l’attuazione di quel piano, già  impugnato avanti alle autorità amministrative che, come tutti sanno, ha ritenuto validi i motivi dei ricorrenti.

Abbiamo contestato e continuiamo a contestare il fatto che si è operato con pesanti tagli ai servizi erogati nel territorio vastese e frentano, con la chiusura di due ospedali, senza però ridare ai territori i servizi dovuti dal Piano stesso.
Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. I posti letto di Vasto e di Lanciano (oltre 220 mila assistiti)  sono al due per mille a dispetto di altre aree della Asl dove si supera il cinque per mille.

Al Sindaco di Chieti Umberto Di Primio – ha concluso Lapenna – rispondiamo che il riequilibrio nei servizi sanitari a favore dei territori non è avvenuto. Così come ricordiamo che la nostra Asl, a dispetto di altre Asl della stessa Regione, è stata pesante nei tagli senza le dovute compensazioni sul territorio.

Zavattaro si occupi del suo lavoro e lasci ai Sindaci le considerazioni e le critiche
sul suo operato”.

V/Red

Più informazioni su