vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Si torna a pescare dopo un mese e mezzo… ma solo per due giorni

Più informazioni su

VASTO. Pescherecci di nuovo in mare dopo 46 giorni di fermo biologico, imposto dal ministero delle Politiche agricole per permettere il ripopolamento in mare Adriatico.

I natanti di buona parte dell’Adriatico hanno lasciato gli ormeggi per la prima delle due sole battute concesse in questa ripresa a mezzo servizio dell’attività di pesca.

Sì, perché a causa del fatto che il fermo sia finito alla mezzanotte del lunedì e che da ora e per dieci settimane si dovrà osservare il cosiddetto fermo tecnico, che obbliga a ridurre da quattro a tre i giorni di uscita in autunno, una interpretazione contestata dagli stessi pescatori li vede solo per due giorni a calare le reti.

Una delle ragioni che hanno indotto, forse, qualche armatore a ritardare di un giorno il rientro in piena attività, perché da martedì a giovedì ci so dovrà fermare nuovamente almeno una volta.

Inoltre, sempre come appendice, la pesca è concessa solo oltre le sei miglia, tutte circostanze che stavolta non faranno inondare di pesce fresco mercato ittico e mercati cittadini, frenando anche quella caduta del prezzo che all’arrivo delle cassette in banchina diviene inarrestabile, come dimostrano le triglie vendute a chili per solo mezzo euro lo scorso anno.

Fattori di rischio per imprenditori armatoriali che devono affrontare per singola usciti costi di gasolio che vanno da 900 euro a salire.

Red

 

Più informazioni su