vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Un progetto per far entrare i lavoratori 'assistiti' nella giustizia

Più informazioni su

CHIETI. Paolo Sisti, capogruppo in Consiglio Provinciale di Chieti del PDL, ha presentato un ordine del giorno per chiedere al Presidente della Provincia ed alla Giunta Provinciale di promuovere ed individuare, assieme alla Regione Abruzzo, linee di finanziamento europeo che consentano di replicare un progetto finalizzato all’utilizzo dei lavoratori percettori di ammortizzatori sociali presso gli uffici giudiziari della Provincia di Chieti.

“Nell’ambito del PO-FSE Abruzzo 2007/20013, Piano 2009-2011, Progetto speciale multiasse ad attuazione provinciale “Percorso integrato finalizzato all’utilizzo dei lavoratori percettori di mobilità presso gli Uffici Giudiziari del Distretto della Corte dell’Aquila”, – spiega il consigliere Paolo Sisti – 49 lavoratori percettori di indennità di mobilità sono stati impiegati per 12 mesi presso gli Uffici Giudiziari della Provincia di Chieti (Tribunali, Procure, Giudici di Pace, Ufficio Notifiche)”

“Tale progetto, in scadenza nel prossimo mese di novembre, è stato un esempio virtuoso di collaborazione tra Enti Locali ed Uffici giudiziari, per far fronte alla cronica carenza di personale e per dare un’opportunità di tornare nel mondo del lavoro a chi è stato espulso dal ciclo produttivo.”

“Infatti gli operatori della Giustizia (giudici, avvocati, cancellieri, ecc.) hanno potuto apprezzare l’importante contributo fornito al miglioramento dei servizi giudiziari da parte dei lavoratori in mobilità impiegati negli uffici giudiziari – continua Sisti -ed è quindi opportuno, nell’ambito del perseguimento di una migliore efficienza del servizio giustizia, proseguire in questo proficuo rapporto di collaborazione con i lavoratori in mobilità”

“Per tale motivo, ho richiesto al Presidente della Provincia ed alla Giunta Provinciale di individuare, assieme alla Regione Abruzzo, linee di finanziamento europeo che consentano di continuare ad impiegare negli uffici giudiziari i lavoratori percettori di ammortizzatori sociali”.

V/Red 

Più informazioni su