vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Stop a quattro nuovi autovelox lungo la Trignina, la vittoria del 'Comitato'

Più informazioni su

VASTO. Sì è tenuta ieri mattina con inizio alle ore 10 l’Osservatorio Permanente sulla sicurezza stradale previsto dalla direttiva Maroni inerente la richiesta di alcuni comuni della Provincia di Chieti e del Vastese di introdurre gli autovelox a postazione fissa sulle strade statali.

La riunione che si è svolta sotto la guida del Viceprefetto Dotto Conti è coadiuvata dalla bravissima dirigente Lucia Palmieri, una delle più fulgide e chiare dimostrazioni che nella nostra pubblica amministrazione ci sono persone con competenze acclarate e piene di sensibilità e voglia di fare, ha visto la partecipazione del Comandante della Polizia Stradale di Chieti  dott. Fabio Santone, il Comandante del Nucleo operativo radiomobile dei Carabinieri luogotente Maurizio Mancini ed il Capitano Mariano D’Andrea del Corpo della Guardia di Finanza, l’Ing . Paola Campitelli dell’Amministrazione provinciale di Chieti, il Geometra Quirino Sabatini dell’ANAS alla quale ha partecipato il Comitato Pro Trignina Abruzzo e Molise con il Presidente Antonio Turdò ed il socio Michele Valentini.

Oltre ai comandanti delle varie polizie municipali interessati all’ordine del giorno che ricordiamo era la richiesta di postazione di autovelox fissi in varie aprti della Provincia di Chieti.

L’Osservatorio ha respinto tutte le richieste , alcune giudicandole non ammissibili ,come Monteodorisio,che ha formalizzato numero 2 richieste di autovelox fissi,addirittura!!Tufillo, Paglieta e Unione dei Comuni della Frentania, altre invece soggette a integrazioni documentali nella prossima riunione che si terrà il 7 novembre 2012 che riguarda Chieti e numero 2 postazioni di Vasto.

E’ inutile negare la soddisfazione per la vittoria su tutta la linea da parte del Comitato PROTRIGNINA Abruzzo e Molise, anche in virtù di un chiaro ripensamento finanche del legislatore e del Ministero dell’Interno  che sempre più continua a non voler concedere l’utilizzo degli strumenti elettronici di controlli alle polizie municipali locali.

Per Vasto è sinceramente “ miserevole” che si pretenda di mettere in sicurezza la Marina di Vasto con gli autovelox a postazione fissa, penso che prima di arrivare a quello l’Anas debba realizzare la prima rotonda al bivio dopo la concessionaria Fiat, realizzi la seconda rotonda nell’incrocio davanti alla Stazione Ferroviaria , crei almeno 2 soprappassi , faccia palese la segnaletica verticale ed orizzontale a favore dei pedoni anche con pannelli luminosi di avviso di essere in pieno centro abitato , con l’ausilio di una maggiore presenza sull’Adriatica di forze di polizia municipale, polizia stradale e nucleo radiomobile dei  carabinieri, alla fine dopo aver fatto tutto questo si vedrà che non è necessario la postazione di autovelox fisso a Vasto Marina.

Noi ribadiamo un concetto chiaro, e lo abbiamo fatto anche oggi davanti alla Polizia Stradale , ai Carabinieri ed alle altre forze dell’ordine ed ai Dirigenti dell’ANAS , siamo nettamente contrari a questi strumenti finalizzati unicamente a fare cassa e non prevenzione.

“Per troppi anni siete stati indifferenti al tema della sicurezza stradale, si pensi a Vasto ed alla malagestio dell’utilizzo della prevenzione e sicurezza sulla Statale Adriatica, cose che riguardano questa ed anche le precedenti amministrazioni comunali , come fa meraviglia della richiesta inopinata da parte del Comune di Tufillo , dove il limite è rimasto a 70 km orari , ed adesso si vuole sfruttare la propria inadempienza ed inefficienza amministrativa salassando della povera gente che attraversa questa strada.”

V/Red

 

 

 

Più informazioni su