vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Cambio di gestione allo stadio del nuoto, arriva in comune l'interrogazione di Bischia

Più informazioni su

VASTO. La polemica sulla gestione della piscina comunale raggiunge il livello amministrativo grazie ad Andrea  Bischia,  consigliere comunale del gruppo consiliare di “Progetto per Vasto”, che all’uopo ha presentato una interrogazione al sindaco e al presidente del consiglio.

“Alla luce della sentenza emessa dal Tribunale di Vasto che impone il reintegro degli ex lavoratori della piscina comunale di Vasto,  che chiedevano il rispetto delle disposizioni del bando  e cioè l’assunzione di tutti i lavoratori  alle stesse condizioni economiche della precedente gestione;
 -ravvisato che l’associazione sportiva vincitrice del bando è risultata vincitrice anche attraverso i 20 punti che vengono assegnati nel momento in cui viene garantito il riassorbimento di tutto il personale alle stesse condizioni contrattuali, viene da sé che disattendendo questo aspetto automaticamente non può risultare più la vincitrice della gara per la gestione della piscina comunale, ma verrebbe declassata.

– considerato altresì  gli aumenti delle tariffe, praticate dalla società aggiudicataria in contrasto tra l’altro con la riduzione dei minutaggi in acqua, rispetto alla precedente gestione,  non sono stati discussi in consiglio comunale; chiede se ritiene essere di primaria importanza la soluzione del problema, del reintegro dei lavoratori, dando seguito alla sentenza emessa dal Tribunale di Vasto e ridare dignità ai soggetti che ingiustamente si sono visti sottratti il diritto al lavoro;
– come intende procedere di fronte alla questione degli aumenti delle tariffe, ben sapendo che ogni variazione della stessa deve essere rigorosamente discusso in Consiglio Comunale,  e infine se ritiene necessario chiedere un consuntivo sulla gestione dell’ultimo anno per capire se il numero degli iscritti è in aumento o in diminuzione rispetto agli anni precedenti e relazionarlo in consiglio comunale”.

V/Red

Più informazioni su