vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Comitato Protrignina: riunione per scongiurare l'uso di autovelox di ogni genere

Più informazioni su

VASTO. Sì è tenuto questa mattina con inizio alle ore 10.00 l’Osservatorio Permanente sulla sicurezza stradale previsto dalla direttiva Maroni inerente la richiesta di due comuni di Vasto e Chieti  di introdurre nel decreto prefettizio di prossima emanazione alcune tratte stradali per la postazione di autovelox fissi. La riunione che si è svolta sotto la guida del Viceprefetto Dotto Conti è coadiuvata dalla bravissima dirigente Lucia Palmieri, ha visto la partecipazione del Comandante della Polizia Stradale di Chieti dott. Fabio Santone, rappresentato dal Maresciallo D’Argento, il Comandante del Nucleo operativo radiomobile dei Carabinieri tenente  Maurizio Mancini, l’Ing. Paola Campitelli dell’Amministrazione provinciale di Chieti, il Geometra Quirino Sabatini dell’ANAS, l’ing. Presutti della Motorizzazione Civile il Tenente Colonnello Di Giovanni Donatella della Polizia Urbana di Chieti, Comitato PROTRIGNINA Abruzzo e Molise con il Presidente Antonio Turdò ed il socio Michele Valentini. L’Osservatorio si è soffermato sulla richiesta del Comune di Vasto, che bisogna specificare fa riferimento non più alla Marina ma solo ed esclusivamente alla SS 16 dal Km 505 al Km 507, cioè da contrada Zimarino rispettivamente dall’altezza dell’incrocio con la vecchia SS 16, cioè la strada per andare al Carcere di Torre Sinello all’incrocio con Contrada Pagliarelli. La Polizia Stradale ha fornito una relazione dettagliata con la quale stronca ogni richiesta nel tratto suddetto sia per la possibilità di fare uso di autovelox mobile o di controllo con fermo immediato e sia perché nel tratto suddetto non risulta che siano avvenuti incidenti mortali, infatti alla fine la Polizia Urbana di Vasto in collaborazione con il Nucleo Radiomobile dei Carabinieri dovrà ancora fornire un elenco dettagliato degli incidenti avvenuti in quello specifico tratto.

Altra posizione contraria è stata espressa dalla bellissima relazione del Geometra Sabatini per conto dell’ANAS che ha anche avvisato che i lavori previsti sull’intera tratta porteranno ad una chiara impossibilità di piazzare l’autovelox nel tratto suddetto,infatti giova ricordare che la kilometrica sarà oggetto nel 2013 di 3 interventi rilevanti. Sarà realizzata una rotatoria di rallentamento all’altezza di contrada Zimarino sull’innesto con la vecchia SS 16 che porta a Torre Sinello. Ci sarà  un’altra rotatoria all’incrocio con Contrada Pagliarelli, quel cartello “centro abitato” posto sulla statale 16 è un falso in cartellonistica. Poi appena dopo sarà fatto un intervento sulla stessa con un cavalcavia a bretella con due complanari in modo da raccordare le abitazioni private esistenti. Altra risposta negativa è sopraggiunta dalla Motorizzazione Civile anche in prospettiva dei lavori previsti.

Il Comitato chiaramente continua ad essere contrario in modo assoluto all’installazione degli autovelox fissi ed invita il Sindaco Lapenna a ritirare la richiesta, non fa sicurezza  e forse come è prevista la trasformazione della sede stradale con il limite a 90 km eccetera forse non serve nemmeno a fare cassa!!!! Si fa più bella figura a ritirare la richiesta di inserimento di quella strada nel Decreto Prefettizio. Durante la riunione abbiamo portato a conoscenza dell’Osservatorio, delle modalità di espletazione del servizio di controllo in modo imboscato e non rispettoso della legge sulla Fondo Valle Trigno, a questo punto ci siamo proposti che nella prossima riunione che si terrà il 18 dicembre con inizio alle ore 10 costituiremo un dossier contro quei vigili che non rispetteranno la legge ed ingannano gli automobilisti e lo consegneremo alla polizia stradale di Chieti.

 

tizianasmargiassi@vastoweb.com

 

 

 

Più informazioni su