vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Dipendenti :'Chiediamo alla Regione di scommettere sul Cotir'

Più informazioni su

VASTO. In seguito alla videointervista rilasciata dall’Assessore Febbo inerente la vicenda del Consorzio per la Divulgazione e la Sperimentazione delle Tecniche Irrigue, i cui dipendenti da mesi non percepiscono lo stipendio, vogliamo – scrivono in una nota i dipendenti del Cotir- innanzitutto ringraziare l’Assessore per l’interessamento che fino ad oggi ha dimostrato e senza voler offendere nessuno ci permettiamo di dare un consiglio alla Regione ed all’Assessorato che tanto credono nella ricerca e nella capacità dei lavoratori. Come rimarcato più volte da tutti gli addetti ai lavori (politici e non), nel Cotir ci sono le professionalità giuste per poter portare avanti progetti anche di un certo spessore sufficienti a garantire la sopravvivenza del Centro senza ricorrere alla mucca Regione.

Noi ci sentiamo di poter rilanciare la posta in alto chiedendo alla Regione di scommettere sul Cotir ed inserendo una voce in bilancio per il pagamento degli stipendi e aiutarci nella ricerca di bandi anche a livello europeo così la Regione allo stesso tempo potrebbe assegnarci tutti quei progetti che attualmente assegna a ditte esterne.

La Regione -concude la nota- dovrebbe impegnarsi a gestire il Centro dettandoci le linee guida per l’affidamento di progetti il cui ricavato andrebbe naturalmente nelle casse della Regione rappresentando anche un introito.

Dopo la soppressione degli Enti, la Regione potrebbe ricollocare alcuni dipendenti più bravi in questo settore, al fine di costituire un Comitato Tecnico Scientifico che sia di supporto ai ricercatori Cotir.

E’ impossibile pensare che i dipendenti del Cotir con i soldi dei progetti debbano provvedere al pagamento degli stipendi, all’ammodernamento delle attrezzature, che nel frattempo stanno diventando obsolete, a tutti i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria del Centro che vorremmo ricordare essere di proprietà della Regione e magari perchè no, anche a pagare gli stipendi di qualche dipendente che intanto il politico di turno ha deciso di piazzare al Cotir.

Infine bisogna considerare che molti dei bandi in circolazione sono cofinanziati, sottraendo così ulteriori soldi per il pagamento degli stipendi

La soluzione proposta nella legge che si vuole presentare porterebbe soltanto la Regione a svincolarsi dal Cotir destinato così nel giro di pochi anni a chiudere i battenti.

Sicuramente una gestione troppo allegra da parte della politica ci ha portati ad essere additatati come carrozzoni, ma bisogna ricordare che questo carrozzone è composto da dipendenti che hanno famiglie a casa e che quest’anno sicuramente non trascorreranno un buon Natale’.

paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su