vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Assalto al portavalori: convalidato l'arresto del presunto basista

Più informazioni su

VASTO. Si è avvalso della facoltà di non rispondere Simone Di Gregorio l’uomo di San Salvo accusato dalla Procura di Vasto di essere un componente del commando che venerdi ha assaltato un furgone portavalori della società l’Aquila. L’indagato comparso questa mattina davanti al Gip assistito dall’avvocato Antonello Cerella è accusato di rapina, tentato omicidio, incendio doloso, porto abusivo di armi da guerra. L’uomo aveva in uso il garage in cui le forze dell’ordine hanno ritrovato 30mila euro del bottino rubato dai malviventi (600mila euro). A poca distanza i vigili urbani hanno ritrovato la Punto estorta dai banditi ad alcuni residenti del Villaggio Siv. All’interno della vettura c’era un fucile a pompa. Altri due fucili, un kalashnicov e 220 mila euro sono stati invece recuperati dai carabinieri di Trivento a Montefalcone del Sannio. In Molise è stato arrestato anche Vincenzo Costantino, 40 anni Cerignola, personaggio già noto alle forze dell’ordine. Anche quest’ultimo questa mattina è comparso davanti ai giudici molisani. Nel frattempo proseguono le indagini per identificare gli altri componenti il commando armato. Nelle prossime ore dovrebbero essere pronti i risultati delle perizie scientifiche compiute sulle auto incendiate e le armi recuperate. La Procura di Vasto continua a mantenere un rigoroso riserbo. Bocche chiuse anche in commissariato e nella caserma dei carabinieri. 
paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su