vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

New Trade: "Sull'occupazione una battaglia personale e quotidiana"

Più informazioni su

GISSI. Il Presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, risponde alle osservazioni esternate da alcuni lavoratori assunti dalla New Trade di Gissi, amareggiati dall’assenza dei rappresentanti della Provincia all’incontro fissato il 17 dicembre scorso a Roma presso il Ministero dello Sviluppo Economico. La Provincia, infatti, viene convocata in qualità di sottoscrittore dell’accordo che ha consentito la riconversione dello stabilimento dell’ex Golden Lady di Gissi, e quindi di ricollocare nel ciclo produttivo buona parte degli ex dipendenti del colosso Omsa.
“E’ giusto precisare che alla riunione indetta lo scorso lunedì non ho potuto partecipare personalmente, come in genere mi premuro di fare – sottolinea il Presidente Di Giuseppantonio – perché era in corso un’importante seduta di Consiglio Provinciale. Ad ogni modo ho delegato l’Assessore alle Politiche del Lavoro Daniele D’Amario e il funzionario Michele Modesti, che conoscono a fondo i risvolti della vertenza in quanto hanno seguito sin dall’inizio per conto dell’Ente. Lunedì 17 dicembre l’Assessore D’Amario è stato colpito da un lutto improvviso che gli ha ovviamente impedito di partire per Roma; ho provveduto immediatamente ad avvertire il dott. Castano, Responsabile dell’Unità Gestione Vertenza presso il Ministero, il quale ha avuto la massima comprensione”.
Questa mattina, peraltro, la Provincia ha partecipato all’incontro urgente convocato dall’Assessore Gatti all’Aquila per affrontare la questione legata alla mancata produzione della polizza fideiussoria da parte dell’Azienda, elemento obbligatorio nella procedura ad evidenza pubblica in capo alla Regione. La Provincia, ha a suo tempo rilasciato gli atti di competenza richiesti dalla New Trade, assicurando la massima disponibilità.
“Sulla questione occupazionale conduco una battaglia personale e quotidiana – prosegue il Presidente Di Giuseppantonio – perché la falce della crisi ha investito indistintamente piccole, medie e grandi aziende del territorio provinciale, tutte ugualmente importanti per l’economia di questa provincia in forte sofferenza occupazionale. Sono appena rientrato da Roma dove ho partecipato ai tavoli di confronto indetti dal Ministero per la Sixsty e la Honda, aperte grazie alle istanze formali di cui mi faccio portavoce, così come accade tutte le settimane, quando in Provincia accolgo e promuovo incontri ed interlocuzioni tra le organizzazioni sindacali e le parti sociali per sanare problematiche e proporre soluzioni”.
“Partecipo personalmente – conclude il Presidente Di Giuseppantonio – investendo il medesimo impegno per ogni vertenza, sia che si tratti di poche unità come avvenuto per la Consortile Sangro Scarl e i cinque dipendenti della Fondovalle Sangro SS 652, sia di centinaia di lavoratori come nel caso della Golden Lady, perché il lavoro è un diritto sacrosanto che non accetta distinzioni. Non dimentichiamo mai che dietro ogni singolo lavoratore ci sono altrettante famiglie in difficoltà, a loro va tutta la mia attenzione e solidarietà”.

paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su