vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Angelo Pollutri candidato alle primarie del Pd per le elezioni politiche

Più informazioni su

CUPELLO. Ieri presso il villaggio Cirulli di Montalfano si è tenuta una conferenza stampa del sindaco di Cupello Angelo Pollutri, per annunciare la propria candidatura alle prossime primarie del Pd, che andranno a designare gli ordini di lista e quindi, le elezioni o no dei rappresentanti alla Camera dei Deputati ed al Senato, provincia per provincia. Angelo Pollutri ha senza mezzi termini invocato un appoggio di tutto il vastese e messo in guardia gli elettori del Pd, da chi vede, da parte del presidente del Consiglio Comunale di Vasto, Giuseppe Forte, lesivo nei confronti della città perché lo stesso Forte appoggerebbe il mezzo renziano Camillo D’Alessandro, allo scopo di subentrargli, qualora questi venisse eletto a Roma, in consiglio regionale.

‘Credo che sia naturale-ha chiosato il sindaco di Cupello- un appoggio incondizionato nei miei confronti da parte del sindaco del comune capoluogo del comprensorio vastese, e non solo per una questione di gratitudine, ma perché un riferimento nazionale sarebbe utile per il progresso del nostro territorio’.
In molti  ricorderanno la grande energia profusa dal sindaco Pollutri durante l’ultima campagna elettorale al Comune di Vasto, a sostegno ma non solo, a totale servizio di Luciano Lapenna, risultato poi vittorioso al secondo turno.

Fin qui la scarna cronaca. Niente di nuovo, se non fosse che di conferenze stampa dello stesso tipo, cioè per annunciare candidature alle primarie del Pd, ne sono attese in città svariate altre, certe quelle dell’assessore Lina Marchesani e del consigliere comunale Maria Amato.
Quindi anche se uno solo di questi dovesse candidarsi alle primarie di Vasto, inteso come comprensorio non avrà un rappresentante alle Camere nella prossima legislatura. Questo atteggiamento se ancora una volta dovesse affermarsi nella città che non fa e non fa fare sarebbe l’ennesima occasione perduta.

Paola D’Adamo

Più informazioni su