vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

New Trade: "Il lavoro c'è ma non viene messa in condizione di lavorare."

Più informazioni su

GISSI. Per la seconda volta in un anno 32 ex dipendenti della Golden Lady riassorbiti dalla New Trade rischiano di restare disoccupati. Ieri hanno manifestato pacificamente davanti alla parte di capannone della fabbrica della Val Sinello. L’azienda tre giorni fa ha sospeso l’attività stanca di aspettare l’approvazione di una fidejussione che non arriva. La Regione assicura che non è colpa sua. Enrico Di Giuseppantonio presidente della Provincia garantisce che è in prima linea per la salvaguardia dei posti di lavoro in Val Sinello. “Oltre alle buone intenzioni vorrei vedere i fatti. Fatemi lavorare”, dichiara perentorio Nicola Cozzolino, uno dei titolari. L’imprenditore toscano garantisce che non ha nessuna intenzione di lasciare i lavoratori in mezzo ad una strada. Non nasconde però di essere stanco ed esasperato. “La cosa assurda è che il lavoro c’è ma la New Trade non viene messa in condizioni di lavorare”, tuona Cozzolino. “Tutti promettono di dare una mano.L’ultimo in ordine di tempo è stato il sindaco di Vasto Luciano Lapenna. All’atto pratico io non riesco ad ottenere quanto è necessario per produrre. Io non chiedo niente a nessuno. Voglio quello che mi era stato promesso al momento dell’accordo. Avrei potuto aprire uno stabilimento in Liguria, regione più vicina a Prato dove c’è la sede centrale della mia azienda. Sono venuto in Abruzzo perchè mi è stata prospettata una situazione che sembra ottimale. Sono finito all’inferno. Ho guadagnato un sequestro della Forestale e una denuncia penale. Tutte le domande di fidejussione sono state respinte. Il 6 dicembre ho presentato l’ultima. Attendo ancora una riposta dalla Regione. In Abruzzo ho avuto solo svantaggi. Il 27 dicembre vado in Ucraina dove le cose vanno a gonfie vele. Io non ho intenzione di chiudere lo stabilimento di Gissi. Qui ho trovato lavoratori seri ai quali sono affezionato e che non meritano questo. Se resto è per loro. Ma ora pretendo di poter lavorare.Pretendo il rispetto degli accordi”, ribadisce l’imprenditore.
paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su