vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Assovasto: Tumini si dimette. "Si deve fare subito qualcosa o le attività moriranno"

Più informazioni su

VASTO. Gabriele Tumini ha rassegnato le dimissioni da presidente dell’Assovasto. E’ lo stesso imprenditore a confermare la notizia. “In queste condizioni non è più possibile andare avanti. Punta Penna continua ad essere al centro di mille dibattiti ma intanto l’area muore in attesa che la Regione si decida ad avviare un percorso di trasformazione utile all’economia e  al turismo e innocuo per l’ambiente”, commenta con grande amarezza il presidente dimissionario. Non ha mai nascosto Tumini di essere favorevole alla trasformazione di Punta Penna in zona commerciale. Lo sfogo: da un anno l’industriale lancia sos e cerca di scuotere la Regione e le istituzioini. Deluso e amareggiato dai prolungati silenzi getta la spugna. “Da tre anni non si produce più reddito. Un terzo delle aziende iscritte non c’è più. L’Assovasto conta ormai meno di 90 aziende. Il miracolo industriale è uno sbiadito ricordo . Davanti ad uno scenario drammatico è necessario e doveroso cercare un modo per rimettere in moto l’economia”. Una occasione per crescere poteva essere l’ampliamento della destinazione commerciale a Punta Penna”, dice con una punta di rammarico l’imprenditore. La Regione però tace, tentenna. “La crisi fa paura. Il 2013 potrebbe essere peggio del 2012. La serietà e l’operosità degli imprenditori non bastano più. Io ho deciso di gettare la spugna. Mi auguro che qualcun’altro dopo di me continui a combattere per guarire il Vastese dall’agonia. Non c’è più un minuto da perdere. O si fa subito qualcosa o le attività avviate a fatica a Punta Penna moriranno”, ripete l’industriale. Le dimissioni di Tumini sono emblematiche.       
paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su